Uno studio mostra che la cannabis era un alimento base per l’antica dinastia cinese

Uno studio recente rivela che la cannabis faceva parte della vita di un’antica civiltà cinese, e che la usavano per il cibo, la medicina e i tessuti.

 

I ricercatori che studiano un’antica tomba in Cina hanno trovato prove dirette che la cannabis era un alimento di base durante la dinastia Tang più di 1.000 anni fa.

Precedenti ricerche sulle civiltà dell’antica Cina hanno dimostrato che la cannabis è stata una coltura importante per migliaia di anni, con testi storici che mostrano che i semi della pianta erano un alimento di base consumato in un tipo di porridge. E ora prove archeologiche dalla Cina centrale stanno confermando l’importanza della cannabis durante la dinastia Tang, che governò il paese dal 618 al 907 d.C.

Cannabis trovata in un’antica tomba

 

Nel 2019, gli operai del cantiere di un parco giochi di una scuola elementare a Taiyuan, nella provincia dello Shanxi, hanno scoperto un’antica tomba sepolta sotto terra. Sfuggita alla scoperta per più di 1.320 anni, l’ambiente straordinariamente secco della tomba aveva conservato le pitture murali e gli artefatti trovati all’interno.

I ricercatori hanno determinato che la scoperta era la tomba di Guo Xing, un ufficiale di cavalleria che aveva combattuto con l’imperatore Tang Li Shimin, o Taixzong, in una serie di feroci battaglie nella penisola coreana. Tra gli artefatti scoperti nella tomba c’era un barattolo contenente alimenti di base, che includeva semi di cannabis e i resti delle loro bucce, secondo un rapporto del South China Morning Post.

La cannabis era conservata in un vaso sul letto della bara tra altri cereali di base come il miglio. Ovviamente, i discendenti di Guo Xing seppellivano la cannabis come un’importante coltura alimentare“, ha detto Jin Guiyun, professore della scuola di storia e cultura dell’Università di Shandong e co-autore dello studio pubblicato il mese scorso dalla rivista peer-reviewed Agricultural Archaeology.

I semi di cannabis erano significativamente più grandi di quelli delle varietà attuali, suggerendo che una cultivar di cannabis era stata allevata specificamente per il grano. Erano così ben conservati che alcuni mostravano ancora il loro colore originale. I ricercatori hanno notato che i semi avevano ancora le loro bucce, che possono contenere il cannabinoide psicoattivo THC. Secondo il Compendio di Materia Medica, un libro scritto dall’erborista Li Shizhen circa 500 anni fa, mangiare troppi semi di cannabis che avevano ancora i loro gusci poteva “far correre una persona come una pazza”.

“I semi di cannabis con la buccia non sono solo legati all’alto contenuto di lignina della buccia e alla sua consistenza dura, che può ridurre la possibilità di muffa e prolungare il tempo di conservazione, ma può anche stimolare i nervi e causare allucinazioni a causa del consumo della buccia per scopi religiosi e medici”, hanno scritto i ricercatori dell’Istituto Comunale di Archeologia di Taiyuan in un rapporto sullo studio.

Lo studio rivela l’uso della cannabis come cibo, fibra e medicina

 

La cannabis era una coltura importante durante la dinastia Tang, fornendo cibo, fibre e medicine per l’antica civiltà. Ma la regione di Taiyuan era più umida e più calda a quel tempo, rendendo il riso il grano più comune nella zona.

Tuttavia, gli artefatti posti nella tomba dalla famiglia di Guo Xing non includevano il riso, come ci si aspetterebbe. Invece, i ricercatori hanno trovato semi di cannabis, forse riflettendo la preferenza alimentare personale dell’antico guerriero, che visse fino all’età di 90 anni.

Negli antichi testi cinesi, la cannabis era conosciuta come una delle cinque colture alimentari di base note come wu gu. Gli archeologi hanno scoperto la cannabis in tombe trovate in tutto il paese, alcune vecchie di 6.600 anni. In precedenza, i ricercatori hanno teorizzato che la presenza di cannabis nelle tombe indicava l’uso della pianta per scopi spirituali e funerari. Ma la prova scoperta nella tomba di Guo Xing illustra l’importanza della cannabis anche come coltura alimentare di base.

La cannabis è stata sepolta come cibo per la festa e la salute del proprietario della tomba nell’aldilà“, hanno scritto i ricercatori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su