Uno studio dice di smettere di usare le etichette di Indica e Sativa per la cannabis….

Negli ultimi anni, l’industria della cannabis ha coltivato e sfornato un sacco di nuove varietà etichettandole con i nomi più divertenti e creativi: CannaSutra, Northern Lights, Gandalf OG, Purple Monkey Balls.

I produttori di cannabis etichettano sempre i ceppi come Indica e Sativa per mostrare i loro effetti. Generalmente, mentre i ceppi Indica hanno effetti sedativi e rilassanti, i ceppi Sativa danno effetti euforici ed energizzanti. Inoltre, questi tipi di cannabis differiscono dalla morfologia della pianta.

Tuttavia, un nuovo studio dimostra che usare le etichette Indica e Sativa per la cannabis non hanno molto senso.

I ricercatori della Dalhousie University (Canada) e della Wageningen University & Research (Olanda) hanno scoperto che le etichette Sativa e Indica usate per la cannabis hanno basse differenze genetiche e chimiche.

Anche se gli allevatori, i rivenditori e i consumatori etichettano i ceppi in base alla loro morfologia, agli aromi e agli effetti psicoattivi, lo studio dimostra che usare le etichette Indica e Sativa non ha senso.

Come sappiamo, la cannabis produce centinaia di terpeni aromatici. Tale varietà guida le preferenze dei consumatori, che spesso li associano alle etichette Sativa e Indica. Inoltre, i profili dei terpeni influenzano le proprietà psicoattive della cannabis attraverso l’effetto entourage. Questo meccanismo avviene quando più composti della cannabis (cannabinoidi, terpeni, flavonoidi, ecc.) sono integrati e lavorano in sinergia per alterare e migliorare gli effetti medici della cannabis.
I ricercatori hanno rianalizzato 297 campioni di ceppi di cannabis. Un’analisi dei componenti principali (PCA) dei dati genomici del campione non ha mostrato alcuna differenza, secondo le etichette. I ricercatori affermano che le etichette Sativa-Indica non riflettono accuratamente la corrispondenza genetica e i nomi delle varietà (per esempio, OG Kush).

Lo studio ha anche dimostrato che i ceppi di cannabis raggruppati nella stessa etichetta erano spesso geneticamente e chimicamente distanti tra loro. Anche le coppie di campioni con nomi di ceppi diversi erano geneticamente e chimicamente diverse.

Per i ricercatori, questo dimostra che le etichette della cannabis non sono indicatori affidabili dell’identità genetica o chimica di un campione. Anche i profili dei terpeni e dei cannabinoidi non riflettevano le etichette Sativa-Indica dei campioni.

I ricercatori ipotizzano che i coltivatori e gli allevatori di cannabis assegnino le etichette ai ceppi più valutando i profili aromatici, la morfologia della pianta di cannabis e gli effetti psicoattivi dichiarati, piuttosto che analizzando la somiglianza chimica complessiva dei ceppi.

Le differenze principali tra le cultivar etichettate come Sativa e Indica possono quindi essere guidate da un piccolo insieme di regioni genomiche che controllano le concentrazioni di un piccolo numero di aromi contrastanti“, si legge nello studio.

I risultati mostrano anche che le etichette Sativa e Indica usate per descrivere le proprietà della cannabis catturano male la variazione genomica e metabolomica complessiva. Per i ricercatori, l’etichettatura della cannabis può essere guidata principalmente da un piccolo numero di terpeni chiave che contribuiscono agli aromi caratteristici comunemente associati a Sativa e Indica.

Anche se le etichette Sativa e Indica sono usate per categorizzare i ceppi di cannabis e sono diventate popolari nella cultura della cannabis, i ricercatori suggeriscono che potrebbe essere necessario lavorare su un sistema di classificazione più affidabile. Un tale approccio può essere ottenuto quantificando un piccolo numero di terpeni e (o) mostrando i marcatori genetici associati agli aromi chiave della cannabis.

I coltivatori e i consumatori non possono fare affidamento sull’etichetta commerciale della cannabis. Invece, dovrebbero guardare i profili specifici dei terpeni, suggeriscono i ricercatori.

In un articolo pubblicato dalla società olandese di cannabis medica Bedrocan, Robin Van Velzen, uno dei ricercatori coinvolti nelle analisi e, allo stesso tempo, impiegato nella società, ha detto: “Si tratta davvero di questi terpeni specifici che fanno la differenza. Il profilo chimico complessivo, come la genetica, non mostra alcuna differenza apparente tra le etichette. Abbiamo anche trovato solo un piccolo numero di regioni nel genoma della cannabis che probabilmente contribuiscono all’aroma terroso associato all’etichetta Indica“.

Anche se l’etichettatura Indica-Sativa è inaffidabile, i produttori commerciali di cannabis possono trovare nuovi modi per etichettare i loro prodotti. Ma quando le etichette sono cruciali per la scelta dei pazienti di cannabis medica di trovare i migliori prodotti per trattare le loro condizioni, i coltivatori e le aziende dovrebbero descrivere i loro prodotti includendo la composizione chimica dei profili terpenici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su