Uno studio dice che la maggior parte dei pazienti riduce l’assunzione di farmaci con la cannabis

Un recente sondaggio ha rilevato che il 65% dei pazienti sono stati in grado di ridurre o eliminare l’assunzione di almeno un farmaco su prescrizione dopo aver iniziato ad usare cannabis medica.

 

Un sondaggio sui pazienti di cannabis medica della Florida, pubblicato sulla rivista Medical Cannabis and Cannabinoids, ha rilevato che la maggioranza (65%) ha ridotto o eliminato l’assunzione di almeno un farmaco su prescrizione dopo aver ottenuto la registrazione per la cannabis medica. I dati sono stati raccolti nei centri di trattamento della marijuana medica presso gli eventi della Florida sud-occidentale e nel campus della Florida Gulf Coast University da 157 pazienti registrati alla cannabis medica. I dati sono stati raccolti da maggio 2019 a gennaio 2020.

Quasi tutti gli intervistati hanno detto di consumare cannabis quotidianamente, ma il 93% ha dichiarato di non sentirsi dipendente dalla sostanza. Un altro 40% ha indicato di usare solo ceppi ad alto THC, mentre il 22% ha detto che i suoi ceppi erano solo ad alto CBD. La stragrande maggioranza, il 72%, ha indicato di usare ceppi ad alto contenuto di THC e CBD. Tenendo conto degli outlier e delle non risposte, 110 pazienti hanno condiviso l’importo medio che spendono per la cannabis medica al mese, che è di 300 dollari. Il sondaggio ha rilevato che il metodo di somministrazione preferito era il fiore.

I pazienti hanno riferito di aver ridotto la dipendenza da oppioidi (18%), ansiolitici (18%), o antidepressivi (15%). Inoltre, i pazienti hanno riferito di aver sostituito la cannabis medica con NSAIDS e sonniferi. Infine, l’81% ha riferito che la cannabis ha fornito una “buona quantità” di sollievo per i loro sintomi, con risultati che vanno dal 70% (infiammazione generale) al 91% (nausea).

“Un risultato particolarmente importante della presente indagine è stato che la maggioranza (65%) dei pazienti ha riferito una riduzione o una completa interruzione della prescrizione di oppioidi e/o farmaci da banco“, notano i ricercatori. “Questo completa altri lavori che hanno trovato una riduzione nell’uso di oppioidi, analgesici non oppioidi, benzodiazepine e antidepressivi tra i pazienti di MMJ (cannabis medica). Queste riduzioni hanno implicazioni enormi, dato che fino a 116 milioni di americani soffrono di dolore cronico, e i medici spesso prescrivono oppioidi ai loro pazienti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su