Una startup di Seattle raccoglie 9,7 milioni di dollari per la sperimentazione clinica per testare il CBD inalato come trattamento dell’ansia

La startup di Seattle Receptor Life Sciences ha raccolto 9,7 milioni di dollari per portare il suo candidato terapeutico a base di CBD per l’ansia acuta attraverso i test clinici.

L’azienda sta sviluppando una forma di polvere secca di cannabidiolo (CBD) abbinata ad un inalatore. L’approccio fornisce il farmaco rapidamente al corpo in dosi controllabili.

Il cannabidiolo è un componente della marijuana ma è diventato un prodotto terapeutico mainstream nel 2018 quando la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato una formulazione orale, Epidiolex, per il trattamento di alcuni disturbi convulsivi.

Receptor combina una forma in polvere di CBD con un composto inattivo che aiuta l’assorbimento in profondità nei polmoni. Sia il composto che l’inalatore di Receptor sono componenti di un prodotto di insulina inalata approvato dalla FDA.

Alla fine di marzo l’azienda ha annunciato che la FDA aveva dato il via libera a uno studio clinico di fase 1b che testa la sicurezza e l’efficacia dell’approccio nel disturbo d’ansia sociale. Lo studio è in corso.

Il prodotto candidato “ha il potenziale per essere il primo trattamento della classe per i disturbi d’ansia acuti“, ha detto il CEO e presidente di Receptor Mark Theeuwes in una dichiarazione che annuncia l’accettazione da parte della FDA della domanda IND (investigational new drug) di Receptor. I dati guideranno potenzialmente gli studi futuri per altri disturbi psichiatrici e neurologici, ha detto.

L’azienda ha recentemente pubblicato uno studio che dimostra che l’inalazione del suo CBD sintetico fornisce un assorbimento più rapido nel corpo rispetto a una formulazione orale. Il picco di concentrazione si è verificato solo quattro minuti dopo l’inalazione e ha portato alla formazione di un minor numero di composti di degradazione nel corpo.

Il nuovo finanziamento sarà utilizzato per far progredire il prodotto attraverso i primi studi clinici. Nel frattempo, la Receptor sta anche esplorando una formulazione orale di cannabidiolo per l’irritabilità nelle persone con disturbo dello spettro autistico. La formulazione in capsule usa un potenziatore dell’assorbimento orale approvato dalla FDA (SNAC), che aumenta di sei volte l’assorbimento dal tratto gastrointestinale rispetto al solo CBD solido orale, secondo i dati della compagnia descritti in un comunicato stampa.

L’agente orale viene testato in volontari sani per identificare una formulazione da portare avanti in un ulteriore sviluppo clinico.

La leadership di Receptor ha esperienza nello sviluppo di prodotti terapeutici inalati.

Theeuwes è stato in precedenza COO di Engage Therapeutics, che è stata venduta alla casa farmaceutica belga UCB nel 2020 per 125 milioni di dollari. L’accordo è stato chiuso dopo il completamento dello studio di fase 2b di Engage su una combinazione farmaco-dispositivo per l’epilessia.

Theeuwes ha assunto la direzione di Receptor lo scorso gennaio dal precedente CEO e co-fondatore Gregory Wesner, un avvocato di proprietà intellettuale. Wesner rimane nel consiglio di amministrazione della società. La co-fondatrice e direttore scientifico Andrea Leone-Bay ha lavorato in precedenza sulle tecnologie di consegna dei farmaci per via inalatoria in polvere secca e orale come vicepresidente della R&S farmaceutica alla MannKind Corporations.

Gli altri co-fondatori dell’azienda di sette anni sono il direttore finanziario Traci Carman e l’ex dirigente di Starbuck’s Arthur Rubinfeld.

Dozzine di studi clinici di aziende e centri accademici stanno testando il cannabidiolo in varie formulazioni, secondo un database governativo. Le sperimentazioni stanno testando i cannabinoidi per via orale per il dolore e altre condizioni, valutando come i prodotti topici durano e si scompongono nel corpo, e combinando CBD e THC in un aerosol.

L’Epidiolex è l’unico prodotto derivato dalla cannabis approvato dalla FDA, anche se tre prodotti sintetici legati alla cannabis sono approvati principalmente per nausea grave e vomito causati dalla chemioterapia.

Nel frattempo, i prodotti di consumo di CBD derivati dalla canapa, presenti in tutto, dal caffè alle lozioni, sono legali negli Stati Uniti dal 2018. I ricercatori hanno espresso preoccupazioni sulla sicurezza riguardo ai contaminanti e alle concentrazioni di CBD nei prodotti di consumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su