Una delle più grandi compagnie di tabacco ha appena investito oltre 175 milioni di dollari nell’erba canadese

La terza azienda di tabacco più grande del mondo – il produttore di Camel, American Spirit, e altre sigarette popolari – sta investendo nel mercato legale dell’erba in Canada.

 

Mentre il mercato canadese della cannabis per uso adulto matura e gli USA si avvicinano alla riforma dell’erba, sempre più aziende di alcol e tabacco stanno investendo i loro soldi nell’erba legale.
British American Tobacco (BAT), la terza azienda di tabacco più grande del mondo, è l’ultimo conglomerato di sigarette ad investire nell’erba. La settimana scorsa, la BAT ha annunciato che avrebbe speso più di 175 milioni di dollari per comprare una quota del 19,9% di Organigram, un produttore canadese di cannabis con licenza. Una volta che l’affare andrà in porto, BAT diventerà il più grande azionista di Organigram.

BAT attualmente possiede American Spirit, Camel, Pall Mall, Newport, Lucky Strike, e molte altre marche di sigarette popolari, oltre a diverse marche di sigarette elettroniche e di tabacco da masticare. L’azienda ha anche lanciato un pilota di CBD vape a Manchester, in Inghilterra, all’inizio di quest’anno. Organigram, con sede a Toronto e New Brunswick, produce prodotti di cannabis medica dal 2013, e ha iniziato a produrre prodotti per il mercato ricreativo una volta che il Canada ha legalizzato l’erba per adulti nel 2018.

Le due aziende intendono stabilire un centro di eccellenza nel New Brunswick, che sarà composto da scienziati, ricercatori e sviluppatori di prodotti di entrambe le aziende. Il nuovo centro di ricerca concentrerà i suoi sforzi iniziali sullo sviluppo di nuovi prodotti CBD, ed entrambe le aziende saranno libere di commercializzare qualsiasi prodotto sviluppato come parte di questa collaborazione.

L’investimento di BAT nell’erba legale è in realtà abbastanza piccolo se paragonato ad alcune altre recenti fusioni tra aziende di alcol, tabacco e erba. Altria, produttore di Marlboro e di altre marche di sigarette, ha acquistato il 45% del gigante canadese della cannabis Cronos per un pesante 1,8 miliardi di dollari nel 2018. Da allora, Altria ha depositato due brevetti per i vapori d’erba e ha assunto un importante lobbista della cannabis per sostenere la regolamentazione dei prodotti CBD al Congresso.

Anche i grandi dell’alcool hanno butatto un sacco di soldi nell’industria dell’erba legale, che potrebbe essere uno dei suoi più grandi concorrenti. Constellation Brands, nota per la birra Corona e la vodka Svedka, ha investito 4 miliardi di dollari in Canopy Growth, uno dei principali attori del mercato legale dell’erba in Canada, nel 2018. I ricchi eredi degli imperi alcolici Jim Beam e Anheuser-Busch hanno persino abbandonato del tutto gli alcolici e hanno creato le proprie aziende di erba legale.

“Mentre la deregolamentazione globale della cannabis guadagna ritmo, guidata dagli Stati Uniti, siamo stati avvicinati da un numero crescente di Big Tobacco, Big Pharma e aziende leader del settore FMCG, che cercano di investire nel settore della Cannabis”, ha detto Tristan Gervais, Head of Cannabis advisory di Chrystal Capital alla Cannabis Merchant Bank europea alla CNBC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su