L’UE vota per innalzare il livello di THC nella canapa industriale coltivata.

L’UE vota per innalzare il livello di THC nella canapa industriale coltivata.

L’UE vota per innalzare il livello di THC nella canapa industriale coltivata.

L’innalzamento dei livelli di THC nella coltivazione della canapa non è più un tabù per l’Unione Europea. Il Parlamento dell’Unione Europea ha votato a favore dell’innalzamento i limiti del THC per la canapa industriale portandolo da 0.2 a 0.3 percentuale e di fissare i limiti standard del marketing per la canapa industriale. Il Parlamento europeo ha, infatti, votato la scorsa settimana per aumentare i limiti di THC della canapa industriale dallo 0,2% allo 0,3%, allineandoli con la maggior parte degli altri programmi, inclusi gli Stati Uniti. Importante ricerca condotta da esperti economisti del settore in Italia. La vendita del fiore di canapa in Italia è stata collegata a una diminuzione delle vendite di diversi tipi di farmaci, suggerendo che alcuni pazienti hanno scelto di abbandonare i loro farmaci da prescrizione a favore dell’automedicazione con una terapia a base di CBD non regolamentata, secondo quanto riporta una ricerca di un trio di economisti. Nello Stato della West Virginia, la scena parlamentare annota che i provvedimenti rilasciati in tema di coltivazione della canapa sono eccessivamente sbilanciati a favore dei bianchi e dei machi, il che crea disequilibri ritenuti non costituzionali. Nello Stato USA del Minnesota si discute, invece, degli eccessivamente alti livelli di fallibilità dei test per contenuti di THC da rilevare nella coltivazione di canapa.

 

Unione Europea

Il Parlamento UE vota per ampliare i limiti di THC nella canapa industriale

Il Parlamento dell’Unione Europea ha votato a favore dell’innalzamento i limiti del THC per la canapa industriale portandolo da 0.2 a 0.3 percentuale e di fissare i limiti standard del marketing per la canapa industriale. Il Parlamento europeo ha, infatti, votato la scorsa settimana per aumentare i limiti di THC della canapa industriale dallo 0,2% allo 0,3%, allineandoli con la maggior parte degli altri programmi, inclusi gli Stati Uniti, come riferisce la testata Hemp Industry Daily. Il Parlamento non ha l’ultima parola sulle riforme ma i voti stabiliscono la posizione dell’organismo sulle riforme proposte della politica agricola comune .

Il Parlamento ha anche approvato un emendamento per aggiungere la canapa ai settori coperti dalle norme di marketing dell’Unione Europea che alla fine stabilirà un criterio per la classificazione dei prodotti a base di canapa e consentirà restrizioni sull’uso di determinate sostanze e pratiche di marketing.

In una dichiarazione, la European Industrial Hemp Association ha definito il voto “un risultato importante per il settore europeo della canapa“. L’organizzazione ha affermato che l’innalzamento dei limiti di THC “consentirebbe a nuove varietà di entrare nel mercato e di essere allevate, con un conseguente migliore adattamento delle colture alle condizioni climatiche dei diversi territori dell’UE”. Mentre gli standard di marketing per l’industria “si tradurrebbe in un significativo aumento della qualità e della standardizzazione dei prodotti di canapa“, ha affermato il gruppo.

Daniel Kruse, presidente dell’EIHA, ha osservato che “Per decenni la canapa è stata considerata una coltura minore, mentre, per secoli, è stata una risorsa fondamentale per le nostre economie“.

Il voto del Parlamento riflette un approccio rinnovato della nostra società a questo meraviglioso impianto che ha il potenziale di decarbonizzare molti settori manifatturieri diversi e fornire agli agricoltori una fonte di reddito coerente e verde“, ha affermato Kruse in una dichiarazione ufficiale. Secondo il rapporto, il Parlamento Europeo condivide l’autorità di adottare e modificare la legislazione con il Consiglio dell’Unione Europea e la Commissione Europea. L’addetto stampa del Parlamento Europeo Jan Jakubov ha dichiarato a Hemp Industry Daily che i colloqui sulla politica agricola dell’Unione Europea dovrebbero iniziare il mese prossimo.

Articolo originale: www.lindro.it

Facebook Comments

Lascia un commento

×

Carrello