Studio: I pazienti affetti da dolore cronico diminuiscono significativamente l’uso di oppiacei con l’uso della cannabis medica

I pazienti affetti da dolore cronico riducono drasticamente il loro uso di oppiacei da prescrizione dopo la loro iscrizione in un programma statale di accesso alla cannabis medica, secondo i dati pubblicati sulla rivista Cureus.

 

Un team di investigatori ha valutato le tendenze dell’uso degli oppiacei in una coorte di 63 pazienti affetti da dolore dopo la loro registrazione nel programma di cannabis medica del Delaware. Tutti i 63 pazienti usavano oppiacei soggetti a prescrizione medica al momento dell’iscrizione.

Coerentemente con decine di altri studi, i soggetti hanno ridotto significativamente il loro uso complessivo di oppiacei nel tempo.

Gli autori hanno riferito: “Per gli individui non estranei con uso positivo di oppiacei al basale prima di ricevere la certificazione medica di marijuana (n = 63), la variazione media percentuale di uso di oppiacei è stata trovata a -31.3 per cento.

Esaminando i sottogruppi in base alla posizione del dolore, gli individui con basso dolore alla schiena (n = 58) hanno mostrato una diminuzione del 29,4 per cento delle unità di MME [morfina milligramma equivalente], mentre gli individui con dolore al collo (n = 27) hanno avuto una diminuzione del 41,5 per cento nell’uso di oppiacei . Allo stesso modo, gli individui con dolore al ginocchio (n = 14) hanno ridotto il loro uso di oppiacei del 32,6 per cento…. Dal momento che la patologia sottostante e la loro fonte di dolore negli individui era improbabile che cambiasse significativamente durante il periodo esaminato, l’uso di marijuana medica avrebbe potuto svolgere un ruolo importante nel permettere agli individui di diminuire il loro uso di oppiacei “.

Essi hanno concluso: “I risultati di questo studio indicano che la certificazione medica della marijuana è associata a una diminuzione dell’uso di oppiacei da prescrizione per il trattamento cronico del dolore e sostiene un maggiore uso di questa modalità di trattamento aggiuntiva.

Data la rilevanza della dipendenza da oppiacei nella società americana, qualsiasi trattamento o risorsa aggiuntiva per ridurre l’uso eccessivo di oppiacei può aiutare nella gestione multifattoriale del dolore cronico. Anche se l’uso di marijuana provoca una varietà di effetti collaterali, i risultati suggeriscono che l’uso di cannabis medica come terapia aggiuntiva per il dolore cronico può essere benefico per la salute pubblica “.

Testo completo dello studio, «Medical cannabis certification is associated with decreases opiate use in patients with chronic pain: A retrospective cohort study in Delaware», appare in Cureus. Ulteriori informazioni sull’uso di cannabis per il dolore cronico sono disponibili su NORML. Ulteriori informazioni sono disponibili nella scheda informativa della NORML, «Relationship Between Marijuana and Opioids».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su