Un altro studio federale mostra che l’uso di marijuana da parte degli adolescenti non sta aumentando con la legalizzazione di più Stati

L’ultima serie di dati del National Survey on Drug Use and Health (NSDUH) è ancora un altro esempio di uno studio federale che sfida la narrativa proibizionista secondo cui la fine della proibizione della cannabis per gli adulti porterà ad un aumento del consumo da parte dei minorenni.

 

L’uso di cannabis nell’ultimo anno per quelli di età compresa tra i 12 e i 17 anni è sceso dal 13,2% al 10,1% nel periodo 2019-2020, secondo il sondaggio, condotto dalla Substance Abuse and Mental Health Services Administration (SAMHSA). E anche per quelli nella categoria di età 18-25, l’uso nell’anno passato è sceso dal 35,4 per cento al 34,5 per cento in quel lasso di tempo.

Per quest’ultimo sondaggio, i ricercatori hanno sottolineato che ci sono stati cambiamenti nella metodologia a causa della pandemia COVID-19. Le interviste sono state condotte virtualmente, piuttosto che di persona, per garantire la sicurezza, per esempio. A causa del cambiamento, “si dovrebbe usare cautela nel confrontare le stime”, hanno detto.

Detto questo, le istanze passate del sondaggio annuale hanno continuamente mostrato che il previsto picco nell’uso di marijuana da parte dei giovani con la diffusione della riforma non si è semplicemente realizzato. L’uso di cannabis negli anni passati per gli adolescenti è stato del 13,5% nel 2012, quando gli stati hanno iniziato a legalizzare l’uso per gli adulti.

L’uso da parte degli adulti di 26 anni e più è in aumento negli ultimi anni, tuttavia.

Paul Armentano, vice direttore della NORML, ha detto a Marijuana Moment che i nuovi dati federali mostrano ancora una volta che “i cambiamenti nelle politiche statali sulla marijuana non hanno portato ad un aumento significativo dell’uso di cannabis tra i giovani“.

“Nel complesso, le leggi sull’uso da parte degli adulti stanno funzionando nel modo in cui gli elettori e i politici intendevano; i rivenditori autorizzati controllano i documenti d’identità e raramente i prodotti per l’uso da parte degli adulti vengono dirottati verso il mercato illecito”, ha detto. “Questi risultati dovrebbero rassicurare i legislatori sul fatto che l’accesso alla cannabis può essere regolato legalmente in un modo che sia sicuro, efficace e che non abbia un impatto involontario sulle abitudini dei giovani“.

Infatti, questo è l’ultimo di un crescente corpo di prove che dimostrano che la legalizzazione non porta ad un aumento del consumo giovanile, nonostante gli argomenti proibizionisti dicano il contrario.

Per esempio, uno studio pubblicato dal Journal of the American Medical Association a settembre ha trovato che i tassi di consumo di cannabis da parte degli adolescenti non aumentano dopo che gli stati hanno legalizzato l’uso medico o ricreativo.

Il direttore del National Institute on Drug Abuse (NIDA) Nora Volkow ha anche ammesso in una recente intervista che la legalizzazione non ha portato ad un aumento del consumo giovanile nonostante i suoi precedenti timori.

Un rapporto federale rilasciato in maggio ha anche sfidato la narrativa proibizionista che la legalizzazione della marijuana a livello statale porta ad un aumento dell’uso giovanile.

Il National Center for Education Statistics del Dipartimento dell’Educazione degli Stati Uniti ha anche analizzato i sondaggi sui giovani degli studenti delle scuole superiori dal 2009 al 2019 e ha concluso che non c’è stata “nessuna differenza misurabile” nella percentuale di coloro che nelle classi 9-12 hanno riferito di aver consumato cannabis almeno una volta negli ultimi 30 giorni.

In un’analisi separata, precedente, i Centers for Disease Control and Prevention hanno trovato che il consumo di marijuana tra gli studenti delle scuole superiori è diminuito durante gli anni di picco della legalizzazione statale della cannabis a scopo ricreativo.

Non c’è stato “nessun cambiamento” nel tasso di consumo attuale di cannabis tra gli studenti delle scuole superiori dal 2009 al 2019, secondo l’indagine. Quando analizzato usando un modello di cambiamento quadratico, tuttavia, il consumo di marijuana nel corso della vita è diminuito durante quel periodo.

Un rapporto di Monitoring the Future, finanziato a livello federale, pubblicato alla fine dell’anno scorso, ha scoperto che il consumo di cannabis tra gli adolescenti “non è cambiato significativamente in nessuno dei tre gradi per l’uso nel corso della vita, l’uso negli ultimi 12 mesi, l’uso negli ultimi 30 giorni e l’uso quotidiano dal 2019-2020”.

Un altro studio rilasciato dai funzionari del Colorado l’anno scorso ha mostrato che il consumo giovanile di cannabis nello stato “non è cambiato significativamente dalla legalizzazione” nel 2012, anche se i metodi di consumo si stanno diversificando.

Un funzionario dell’Office of National Drug Control Policy della Casa Bianca si è spinto oltre l’anno scorso, ammettendo che, per ragioni che non sono chiare, il consumo giovanile di cannabis “sta scendendo” in Colorado e in altri stati legalizzati e che è “una buona cosa” anche se “non capiamo perché”.

Gli studi passati che hanno esaminato i tassi di consumo degli adolescenti dopo la legalizzazione hanno trovato cali nel consumo o una simile mancanza di prove che indicano che c’è stato un aumento.

Nel 2019, per esempio, uno studio ha preso i dati dello Stato di Washington e ha determinato che il calo del consumo giovanile di marijuana potrebbe essere spiegato dalla sostituzione del mercato illecito con i regolamenti o la “perdita di attrattiva della novità tra i giovani”. Un altro studio dell’anno scorso ha mostrato un calo del consumo giovanile di cannabis negli stati legalizzati, ma non ha suggerito possibili spiegazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su