Riforma europea della cannabis ricreativa: Guernsey sarà il prossimo?

L’isola del Canale di Guernsey sembra che si stia buttando nella mischia della legalizzazione della cannabis già dal prossimo anno.

 

Per coloro che osservano il dibattito europeo sulla cannabis, uno dei posti più interessanti in questo momento è l’isola di Guernsey. Situata tra la Francia e il Regno Unito, l’isola sta andando a gonfie vele sulla questione della riforma medica da diversi anni ormai.

Ora, c’è una richiesta per l’isola di andare a tutta birra nella discussione sulla riforma ricreativa – e ancora più interessante, la petizione è sostenuta da un leader politico che, non a caso, si è appena dimesso dal comitato degli affari interni dell’isola per le sue leggi sulla cannabis. Apparentemente, il ruolo di Marc Leadbeater come direttore di una compagnia locale di canapa ha fatto sì che altri membri del comitato mettessero in dubbio la sua prospettiva sulla riforma delle droghe.

Leadbeater sta ora proponendo un processo politico specifico – vale a dire una richiesta – per discutere la piena legalizzazione. Se presentata da sette membri degli Stati, la questione deve andare davanti al governo di Guernsey.

Questa raffica di interesse da parte dei funzionari governativi segue, in pochi giorni, una dichiarazione dell’ex capo ministro dell’isola, Gavin St. St. Pier ha condiviso che egli crede che la cannabis dovrebbe essere legalizzata per regolare meglio, autorizzare e tassare l’industria a beneficio dell’economia dell’isola.

Le opportunità di licenza per la coltivazione della cannabis sono disponibili da luglio di quest’anno. L’isola è anche sede di compagnie di estrazione.

Il concetto di cannabis come strumento di riqualificazione economica per gli ettari di serre vuote che punteggiano l’isola è stato caldo qui per un po’.

Perché il furore è significativo?

Ci sono diverse ragioni per cui la tempistica di questi contrattempi è così interessante.

La prima è che sia il Lussemburgo che la Svizzera si stanno muovendo con i mercati ricreativi, anche di tipo sperimentale, entro i prossimi due anni. Essendo una piccola isola, Guernsey potrebbe seguire questa tendenza e, a questo punto, avere un grande impatto sul dibattito, non importa quanto grande finirà per essere il suo mercato nativo.

Ecco perché – oltre a diventare potenzialmente il terzo (o quarto se anche il Portogallo continua ad andare avanti) paese in Europa a diventare completamente ricreativo. L’isola è sul lato britannico della Brexit. Di conseguenza, Guernsey diventerebbe anche, se tutto questo fervore a favore della cannabis si realizzasse, la prima parte del Regno Unito ad abbracciare la riforma dell’uso per adulti.

Questo sarebbe un passo veramente importante.

Lo stato della riforma della cannabis nel Guernsey UK

Purtroppo, nonostante un sacco di rumore, il governo del Regno Unito non si è fatto avanti nella discussione sulla cannabis allo stesso modo della Germania. Mentre è tecnicamente possibile ricevere cannabis medica (in forme molto limitate) sotto il Servizio Sanitario Nazionale (o NHS), la riforma in avanti è arrivata molto lentamente. Anche i pazienti che sono approvati per l’uso (inclusi quelli con la SM) non stanno ottenendo la loro cannabis.

Oltre a questo, la principale condizione che la cannabis è usata per trattare in Germania, il dolore cronico, è stata lasciata fuori dalla discussione finora dalle autorità mediche britanniche.

L’unica malattia (e popolazione di pazienti) che è riuscita a catturare l’immaginazione pubblica e di conseguenza politica, sono i bambini con epilessia. E mentre questo è stato molto buono a spostare la volontà politica, per centimetri, e molto riluttante, a favore di una maggiore riforma medica, questo non ha, finora, creato una base di pazienti sulla salute pubblica almeno.

In Germania, al contrario, ci sono ora circa 130.000 pazienti quattro anni e mezzo dopo che il governo ha reso obbligatorio che la cannabis sia coperta dall’assicurazione sanitaria pubblica come farmaco di ultima istanza e ha sostenuto un’offerta di coltivazione nazionale.

La discussione sulla cannabis in Germania è lontana dall’essere risolta, anche sul fronte medico. Tuttavia, in contrasto con il Regno Unito, il paese è anni luce avanti.

L’unico modo sicuro per avere accesso alla cannabis medica nel Regno Unito al momento è quello di vedere un dottore in una clinica medica privata. Naturalmente, questa opzione è off limits per molti solo a causa del costo. Così come la pratica di ottenere una licenza di importazione personale.

Di conseguenza, la riforma nel Regno Unito è stata bloccata, anche se non per mancanza di entusiasmo da parte dell’industria in erba. Le conferenze sulla cannabis nel Regno Unito stanno facendo il tutto esaurito questo autunno. Il business del CBD è andato avanti a gonfie vele. Ci sono cliniche private specializzate in cannabis per coloro che se lo possono permettere. E, nonostante tutto il trambusto e il fervore, la stampa britannica sulla cannabis sta certamente facendo rumore.

Indipendentemente da ciò, è improbabile che una vera riforma avvenga prima sulla terraferma.

Ecco perché questa mossa a Guernsey è così importante dal punto di vista politico, non solo sull’isola stessa, ma in un contesto molto più ampio di riforma regionale su entrambi i lati della Brexit.

Qualunque cosa accada, in altre parole, il cavallo ha certamente lasciato la stalla – ed è improbabile che sia l’ultimo a farlo.

 

Articolo originale : hightimes.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su