Quando eravamo criminali….

When We Were Criminals: Le foto d’epoca di Mel Frank sulla coltivazione della cannabis ci ricordano come siamo arrivati qui

 

Molto prima che la maggior parte delle persone pensasse realisticamente che la cannabis sarebbe stata legalizzata, Mel Frank fu coautore nel 1978 di un libro fondamentale su come coltivare l’erba chiamato The Marijuana Grower’s Guide.

Per decenni, il 73enne si è occupato principalmente di chimica della cannabis, botanica, allevamento e coltivazione. Questi sono gli argomenti ancora in primo piano nella sua mente quando abbiamo chiamato Frank per parlare della sua mostra fotografica di debutto, When We Were Criminals, alla M+B Photo di Los Angeles.

JACKSON COUNTY, OR, 1976

La mostra presenta scatti incredibilmente dettagliati di piante di cannabis, coltivatori di marijuana e operazioni illegali di coltivazione – che vanno dai piccoli appartamenti di New York City alle operazioni tentacolari in California – dagli anni ’70 alla fine degli anni ’90.

Ma non è mai stata sua intenzione che finissero in una mostra d’arte.

“La maggior parte delle cose che facevo era per mostrare qualcosa che sarebbe stato mostrato in un libro”, racconta Frank a Lift & Co. al telefono dalla sua casa nella zona di Mount Washington, a Los Angeles.

“Un sacco di cose sono come preparare il terreno, come impollinare una pianta – cose che non sono necessariamente cose che metteresti sul tuo muro. Ma insieme a questo, ho fatto uno sforzo sincero per fare belle foto di bei germogli. Diversi, di varietà diverse. E anche di campi, solo per essere in grado di mostrare in un libro o in un articolo come alcune di queste cose sono fatte. Quindi l’estetica, sì – ovviamente c’è un’estetica nel fare qualsiasi di questi scatti. Ma molti di loro erano solo scatti di tipo pragmatico. Scatti pratici per illustrare qualcosa”.

MEL FRANK, CONGOLESE INCROCIATA CON AFGANA

Ciononostante, le selezioni della mostra dalla fotografia di Frank rasentano un’oniricità ultraterrena. I primi piani di piante e le fotomicrografie di componenti specifici, come ghiandole di resina o antere, contengono una morbidezza viva e aliena. Le sue fotografie di persone – con i loro volti oscurati dalle foglie o dai rami, le teste tagliate dalla cornice, lo sguardo lontano e non identificabile – sono profondamente personali e tuttavia misteriose. Dopo tutto, identificare i soggetti che forniscono il mercato nero sarebbe stato pericoloso. (Originariamente, a Frank piaceva il titolo “Not A Face To Be Seen” per la collezione, dato che, beh, non c’è una faccia da vedere).

MANICURING, DUTCHESS COUNTY, NY, 1982

Le fotomicrografie di Frank sono vaporose e pastose, calde e a volte, nelle parole dello stesso creatore, “sexy”. È difficile dargli torto. La prima che ha fatto è nella mostra. Realizzare l’immagine con l’illuminazione proveniente da sotto avrebbe sbiadito il colore, così ha escogitato un modo diverso.

“Il primo rullino che ho scattato, quello che ho fatto è stato mettere un rotolo di carta da costruzione rossa, e ho aspettato che il sole fosse abbastanza alto da darmi un’illuminazione diretta sull’oggetto”, dice. “E ho fatto lo scatto, e in effetti, la fotomicrografia rossa della punta della sinsemilla è il primo scatto che ho fatto, ed è venuto perfettamente…

“È così che ho ottenuto il vero colore. È quello che cercavo, il vero colore nelle ghiandole di resina. Così, quando guardi la punta rossa della sinsemilla, è questo l’aspetto che ha”.

MEL FRANK ‘WHEN WE WERE CRIMINALS’ EXHIBIT, M+B PHOTO, Hollywood

Frank dice che l’allestimento della mostra dà agli spettatori un senso di come fosse la coltivazione a quei tempi, con le fotomicrografie ad alto dettaglio compensate da campi di piante di un verde vivido con il sole che le illumina; serene coltivazioni indoor; persone che si passano gli spinelli e lavorano alle loro coltivazioni. In effetti, la collezione costruisce una bella verdura, dove l’ironia del titolo pseudo-sinistro della collezione è lampante: perché qualcosa che sembra così dolce, semplice e pittoresco è stato messo fuori legge?

Anche questa è cannabis, in tutta la sua gloria, attraverso gli occhi di Mel Frank. Se si può sentire l’amore in queste fotografie, è perché Frank ama veramente coltivare l’erba e tutto ciò che ne deriva – la chimica, la botanica, la logistica di farlo funzionare in un piccolo appartamento, i modi in cui le piante maturano e il viaggio lungo la strada.

FREEDOM IS THE ISSUE T-SHIRT, SIERRA NEVADA FOOTHILLS, CA, 1979

Ma naturalmente la mostra è anche intrinsecamente politica.

Quando chiedo a quale foto della mostra si sente più legato, cita immediatamente quella di una donna di nome Tanya, scattata in un campo di veleno di Durban macchiato dal sole nel 1979. Dice che all’epoca i vicini di Tanya venivano tutti beccati dagli elicotteri, così lei tagliò le sue piante e le nascose nella foresta. “Le ha salvato l’intero anno di coltivazione”, dice Frank. “È stata l’unica nella zona a ottenere qualcosa in quell’anno”.

Al di là della sua bellezza estetica e della sua rilevanza educativa, When We Were Criminals è un promemoria di quanta strada abbia fatto la comunità della cannabis da quando Frank ha scritto il suo libro sulla coltivazione. E il fatto che il titolo sia scritto al passato è la prova che gli atteggiamenti verso la marijuana si stanno finalmente muovendo nella giusta direzione.

Matt Williams

Articolo originale: lift.co

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su