Più della metà degli europei sostiene la legalizzazione della cannabis!

Più della metà della popolazione europea sostiene la legalizzazione dell’uso adulto della cannabis e circa il 30% è interessato ad acquistarla, secondo i dati dei sondaggi dei consulenti di settore di giovedì.

L’approccio liberale dell’Europa potrebbe raccogliere molteplici benefici finanziari ed economici come si è visto negli Stati Uniti, che hanno assistito a un’impennata nell’uso della cannabis durante i blocchi indotti dalla pandemia.

Mentre la maggioranza degli europei sostiene i negozi di cannabis regolamentati, la maggior parte non è favorevole alla coltivazione della pianta in casa, secondo il rapporto della società di consulenza londinese Hanway e del produttore di marijuana Curaleaf International.

Il rapporto arriva una settimana dopo che la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti venerdì ha approvato una legge per porre fine al divieto federale della marijuana, che ha creato mal di testa legali per i consumatori e le imprese negli stati che l’hanno legalizzata.

“Noi vediamo il mercato europeo da tre a quattro anni indietro (rispetto agli Stati Uniti), ma in realtà sembra che l’Europa possa iniziare una riforma radicale prima degli Stati Uniti”, ha detto Boris Jordan, dirigente della Curaleaf con sede negli Stati Uniti.

Molti paesi europei, compresa la Germania, hanno legalizzato la cannabis per scopi medici limitati, mentre altri hanno decriminalizzato il suo uso generale. Malta è diventata il primo paese europeo a permettere la coltivazione limitata e l’uso personale della cannabis.

Il mercato europeo della cannabis dovrebbe superare i 3 miliardi di euro (3,27 miliardi di dollari) di entrate annuali entro il 2025, rispetto ai circa 400 milioni di euro dell’anno scorso, secondo un rapporto della società di ricerca Prohibition Partners. La Germania è stata finora il più grande mercato del continente.

“C’è un chiaro desiderio politico e la volontà in Germania di legalizzare l’uso ricreativo”, ha detto a Reuters Joe Bayern, amministratore delegato di Curaleaf.

“Dato che (la Germania) è la più grande economia in Europa, pensiamo che farà da apripista e creerà un effetto domino per il resto del continente”, ha detto Bayern.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su