Nonostante le severe leggi sulla cannabis, apre a Hong Kong il primo CBD cafè

Found, che si trova a Sheung Wan, è il primo CBD cafè di Hong Kong.
Found, che si trova a Sheung Wan, è il primo CBD cafè di Hong Kong.

In un raro angolo pedonale dell’area Sheung Wan di Hong Kong, nascosto in un labirinto di polverosi negozi di antiquariato cinese, c’è un elegante e modesto negozio con alcuni tavoli sulla terrazza.
È una boutique? È un bar? Vende qualcosa?
Difficile a dirsi su due piedi, ma con la sua estetica di pavimenti in legno grezzo, pareti bianche vuote e qualche pianta insignificante, non è proprio il posto dove si va per sussurrare “erba, per favore”.
Eppure, secondo il proprietario, questo accade di tanto in tanto al Found, il primissimo caffè CBD di Hong Kong.
All’interno c’è una gamma completa di prodotti CBD – abbreviazione di cannabidiolo – in vendita.
Le fiale di oli CBD sono consigliati per uso personale, e una goccia sotto la lingua promette di alleviare l’insonnia.

"Found

Mini scatole di polveri permettono agli acquirenti di aggiungere CBD agli alimenti, cospargendone un po’ in oli e burri, che infonderanno nei piatti i cannabinoidi.
Ci sono anche prodotti CBD per animali domestici per aiutare con l’infiammazione delle articolazioni e altre patologie.
Un’accogliente area salotto davanti al bancone delle bevande di Found offre ai clienti uno spazio per rilassarsi con una birra o un caffè, entrambi ovviamente con aggiunta di  CBD.
Attualmente in fase di apertura, il proprietario spera di aprire completamente il mese prossimo.

Come può essere legale?
In una città dove i cannabinoidi sono ancora molto associati a un uso ricreativo inebriante – e altamente illegale – c’è un vuoto nell’immaginazione popolare per i molti benefici terapeutici di questi composti naturali che vengono abbracciati in altre parti del mondo.
Nonostante questo, un boom nella vendita di prodotti CBD non medicinali sta tranquillamente emergendo in Asia – Hong Kong inclusa – guidato da menti progressiste nell’industria alimentare e del benessere.
“Stiamo cercando di creare una nuova conversazione qui, allontanandoci dalla cultura dei fumatori”, dice Fiachra Mullen, comproprietaria di Altum International, un fornitore di cannabinoidi per le aziende e i consumatori dell’Asia Pacifica che possiede e gestisce Found.
Il CBD è un estratto di piante di cannabis e ha un effetto psicoattivo, ma non inebriante.
Traduzione: vi darà tutti gli effetti tranquilli e rilassanti della marijuana, senza l’euforia della dipendenza. È ora ampiamente disponibile negli Stati Uniti e in Europa nelle creme per il viso e nei frullati, ricercata dai cultori della salute come panacea che abbassa il dolore, l’ansia e l’infiammazione.

Gli estratti di CBD Found sono abbastanza puri da soddisfare le leggi locali sui cannabinoidi.
Gli estratti di CBD Found sono abbastanza puri da soddisfare le leggi locali sui cannabinoidi.

Oltre al CBD, c’è una serie di altri composti disponibili nelle piante di cannabis, alcuni illegali e altri non dipendono dal luogo in cui ci si trova.
A Hong Kong, l’estratto di CBD è tecnicamente legale, ma il suo composto gemello THC (tetraidrocannabinolo), responsabile dello “sballo”, è strettamente illegale. Negli Stati Uniti e in Europa, i prodotti CBD possono trasportare fino allo 0,5% – una quantità di tracce – di THC, ma anche questo non è accettabile a Hong Kong.
Qualsiasi prodotto CBD venduto qui deve avere quantità di THC completamente non rilevabili.
Sembra abbastanza facile da aggirare — basta usare una forma pura di CBD.
Ma la maggior parte dei produttori produce l’estratto con una quantità di THC in tracce e altri composti della canapa industriale. Questa miscela ad ampio spettro di composti è nota per avere un’efficacia superiore a quella di uno qualsiasi dei singoli composti da soli.

“L'”effetto entourage” si riferisce al fatto che il CBD è più potente se accompagnato da altri cannabinoidi”, dice Mullen. “La natura si è evoluta nel corso di milioni di anni e ti presenta questo bellissimo profilo (di composti) e poi tu dici: “Beh, prenderemo solo il CBD“. Non ci si può aspettare che l’isolato abbia gli stessi risultati dell’intero spettro”.
Mentre il CBD da solo può avere grandi benefici per chi soffre di ansia e insonnia, gli utenti dicono che, senza il tocco del THC, è meno efficace come antidolorifico, attenuando solo il dolore e non togliendolo completamente. Ma queste sono le regole di Hong Kong.
Mullen ha lavorato a stretto contatto con i produttori negli Stati Uniti e in Europa negli ultimi due anni per garantire che i suoi estratti di CBD siano sufficientemente puri da adattarsi alle restrizioni locali.
Altum ha creato una linea di oli e polveri CBD puri sotto il marchio al dettaglio Felix & Co, controllando la qualità degli estratti per garantire che tutto sia legittimo. La domanda per i prodotti è stata forte, con articoli spesso in esaurimento.

“La maggior parte delle persone cercano aiuto per dormire, abbiamo anche genitori con bambini affetti da epilessia o paralisi cerebrale che usano i nostri prodotti”, dice Mullen. Il CBD è approvato dalla FDA nel trattamento di due gravi forme di epilessia infantile.
“Gran parte di essa è dovuta all’anno che Hong Kong ha avuto con le proteste e la pandemia. Molti clienti la prendono come prima cosa al mattino con il loro caffè prima di uscire di casa, aiuta con consapevolezza e li rende un po’ più resistenti a qualsiasi cosa accada quel giorno”.
Educare il pubblico
Ancora confuso su cosa sia questa roba della CBD? Il personale del Found è disponibile e non giudica le domande che i visitatori possono avere. Mullen stesso è spesso presente per esaltare le virtù del CBD di persona.
Il messaggio del CBD si sta certamente diffondendo a Hong Kong, abbracciato sia dai sani (c’è una sala yoga CBD presso il popolare studio Yoga Bam Bam Bam) che dagli edonisti (il giovane birraio artigianale Young Master Ales offre una gamma di birre CBD). Tuttavia, Mullen è soddisfatto solo in parte.
“C’è una gran parte della popolazione che non riesco a raggiungere”, dice Mullen.
Mentre Hong Kong ha una cultura profondamente radicata di uso di rimedi erboristici per le condizioni di salute e il benessere generale, c’è per lo più uno stigma contro tutto ciò che è legato ai cannabinoidi.

La cannabis fa parte delle antiche terapie tradizionali in tutta l’Asia, dalla Tailandia all’India alla Cina, ma nel corso degli anni la criminalizzazione delle piante ha portato il pubblico ad evitarne l’uso in qualsiasi forma.
“Il mio cliente del profilo dei sogni è una donna di 65 anni di Hong Kong”, confessa Mullen. “Se riesco a far entrare lei e suo marito per conoscere, o anche solo per sentire la parola “cannabis”, e non correre per un chilometro e mezzo, allora la missione è compiuta”.

Articoo originale: CNN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su