Mike Tyson sta producendo prodotti commestibili a forma di orecchio morsicato

Le caramelle alla marijuana, chiamate Mike Bites, ricordano il combattimento del 1997 in cui Tyson morse un pezzo dell’orecchio di Evander Holyfield.

 

https://www.brianbirzer.com/

Sono passati quasi 25 anni dalla famose notte quando il pugile Mike Tyson ha morso un pezzo dell’orecchio di Evander Holyfield nell’incontro del 1997 per il campionato dei pesi massimi WBA. Ma quel memorabile – e disgustoso – momento continua a vivere. La compagnia di cannabis di Tyson, la Tyson 2.0, sta vendendo caramelle alla marijuana a forma di orecchie morsicate.

“Sante orecchie! Sono finalmente arrivate! Andate a prendere i vostri Mike Bites ora”, ha detto l’azienda in un tweet.

I rappresentanti di Tyson 2.0 non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento su dove esattamente gli edibili sono venduti, o quanto costano. I prodotti di Tyson sono disponibili presso alcuni rivenditori di marijuana in California, Colorado e Nevada, secondo il sito della società.

Alcuni fan si sono chiesti sui social media se Holyfield – che, dopo tutto, ha involontariamente ceduto un pezzo del suo orecchio nell’iconico incontro – stesse ricevendo dei soldi dalle vendite. World Boxing News riporta che i due pugili ne hanno discusso in un video del 2019.

“Potresti essere in affari perché faremo delle orecchie sante”, ha riferito Tyson.

Holyfield ha risposto: “Beh, potrei farlo”.

Abbiamo contattato Tyson 2.0 per chiedere se Holyfield riceverà dei soldi dalle vendite degli edibles.

Dopo che Tyson morse l’orecchio di Holyfield nell’incontro del 1997, il match fu ripreso e, poco dopo, Tyson morse l’altro orecchio di Holyfield. Tyson fu squalificato, la sua licenza di boxe fu revocata, e fu multato per più di 3 milioni di dollari.

“La cannabis ha sempre avuto un ruolo importante nella mia vita”, dice Tyson sul sito della compagnia. “La cannabis mi ha cambiato per il meglio sia mentalmente che fisicamente, e voglio condividere questo dono con altri che cercano anch’essi sollievo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su