L’intreccio tra Cannabis, Jazz e Black History

In onore del Black History Month, NJ Cannabis Insider sta evidenziando gli artisti jazz neri che hanno abbracciato la cannabis nella loro arte e nella loro vita. Il jazz è una forma di musica unicamente americana e questi pionieri musicali hanno fatto la storia. Notate come hanno incorporato parole gergali e messaggi sulla cannabis nelle canzoni popolari. E naturalmente questa tendenza continua oggi nel rap e in altre forme di musica!

Qui ci sono brevi storie di luminari neri del jazz come:

Billie Holiday
Louis Armstrong
The Harlem Hamfats
Cab Calloway

Oltre a presentare alcuni testi degni di nota, troverete i link di YouTube con tutte le canzoni qui menzionate.

Iniziamo con una breve lezione di storia e la storia di Billie Holiday.

Gli storici riferiscono che la cannabis e il jazz cominciarono a mescolarsi nel periodo d’oro del quartiere di Storyville di New Orleans, il quartiere a luci rosse della città all’inizio del 1900. La cultura era incentrata sui club musicali e sui bordelli della zona. Poi, a New York, con Harlem come epicentro, la cannabis e il jazz si incrociavano nei club musicali. A quel tempo, si poteva comprare la cannabis per strada o in vari posti chiamati “tea pads”, che erano speakeasies. Si dice che ci fossero 500 “tea pads” a New York.

Harry Anslinger e il Bureau of Narcotics non facevano mistero di disapprovare la musica jazz e la cannabis. Seguendo, molestando e arrestando i musicisti jazz, il Bureau credeva di attaccare il cuore figurativo di ciò che Harry Anslinger e i suoi compari vedevano come una corrosione culturale in America.

Forse il caso più scandaloso di applicazione mirata fu la vendetta personale di Anslinger contro la vocalist jazz nera Billie Holiday. Questa faida era altamente motivata dal razzismo e divenne inquietantemente vendicativa dopo che Billie Holiday eseguì una canzone chiamata “Strange Fruit“, un omaggio agli afroamericani che furono linciati nel Sud.

Il Federal Bureau of Narcotics emise un avvertimento formale alla Holiday per smettere di eseguire la canzone, che lei ignorò. Anslinger assegnò un agente sotto copertura per rintracciare la Holiday e raccogliere prove contro di lei. La Holiday fu arrestata, passò un anno in prigione e dopo il rilascio non poté ottenere una licenza di intrattenimento. Tragicamente, dopo una lunga battaglia con la dipendenza dall’eroina, morì all’età di 44 anni.

La canzone di Louis Armstrong “Muggles” è un sognante, lento, numero jazz che è ampiamente considerato come uno dei capolavori di Louis Armstrong. Ha registrato la canzone a Chicago nel 1928. Armstrong era un noto membro della comunità della cannabis, e il titolo della canzone è uno slang dell’era jazz per la cannabis che si pensa derivi dalla parola “smuggle”. La canzone è un numero strumentale, ma il suo ritmo e il suo stile ricordano presumibilmente lo sballo da cannabis di Armstrong.

Nel 1936, gli Harlem Hamfats scrissero “Weed Smoker’s Dream“. Anche se il loro nome farebbe pensare che fossero di Harlem, erano di Chicago. La canzone, pesantemente influenzata dal blues, chiede perché un consumatore di cannabis darebbe via il prodotto con versi come “Sitting on a million, sitting on it every day / can’t make no money giving your stuff away / Why don’t you do like, like the millionaires do / Put your stuff on the market and make a million too”.

La gemma di Cab Calloway del 1932 “Reefer Man” descrive comicamente un uomo in città noto per la vendita di cannabis. Calloway canta con tono ironico: “Se ti scambia monetine per nichel / e chiama i cocomeri sottaceti / allora sai che stai parlando con quel buffo reefer man”. La canzone fu presentata nel popolare film del 1933 International House in cui Calloway e la sua band eseguono una versione frenetica della canzone, e la popolarità del film attirò l’attenzione indesiderata del Federal Bureau of Narcotics.

Altre canzoni jazz degne di nota che contenevano testi sulla cannabis includono:

If You’re a Viper” – Fats Waller -1943: Ha alcuni testi fantastici, come questo vanto sulla tolleranza al fumo, “Ho sognato uno spinello lungo un metro e mezzo / potente mezz ma non troppo forte / sarai fatto ma non per molto / se sei una vipera”.
Jack, I’m Mellow” – Trixie Smith – 1938: Smith ha cantato questa melodia di benessere con testi come: “Sono così in alto e così a secco / sono molto in alto nel cielo / il mondo sembra leggero / e ho così ragione / Jack, sono tranquilla”.
Junker’s Blues” – Campione Jack Dupree – 1940: Dupree ha cantato una canzone sui vizi – nella canzone esorta la gente ad attenersi alla cannabis. Dopo aver cantato sull’uso di liquori e cocaina, dice, “Dite addio, addio al whiskey / Signore e addio al gin / Voglio solo il mio spinello / Voglio solo sentirmi di nuovo fatto”. Forse questa è la grande canzone della teoria anti-droga!

Altre canzoni dell’era jazz che celebravano la cannabis:

“Pot Hound Blues” – Lucille Bogan -1928
“When I Get Low, I Get High” – Ella Fitzgerald – 1936
“Here Comes the Man with the Jive” – Stuff Smith – 1936
“Mellow Stuff” – Lil Johnson – 1937
“That Cat’s High” – The Ink Spots – 1938
“Viper Mad” – Sydney Bechet – 1938
“Light Up” – Buster Bailey – 1938

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su