L’illusione ottica dell’artista JR fa saltare la cima della Grande Piramide!

Nella sua ultima illusione ottica, lo street artist JR ha strappato la cima di una delle Grandi Piramidi di Giza al Cairo, in Egitto.

L’opera fa parte di un percorso di sculture e installazioni su larga scala di 10 artisti contemporanei. La mostra “Forever is Now” (fino al 7 novembre), annunciata come il primo evento del suo genere nel sito patrimonio mondiale dell’UNESCO di 4.500 anni, è organizzata da Art D’Egypte, una società che mira a promuovere l’arte egiziana con mostre annuali nei siti storici.

Un’altra angolazione dell’opera di JR. Credito: Cortesia Art D’Egypte

“La mostra rappresenta una fusione tra il patrimonio antico e l’arte contemporanea”, ha detto una dichiarazione di Art d’Egypte. “Abbiamo voluto mostrare il legame tra la nostra storia e il nostro presente che durerà per sempre … il profondo impatto globale dell’antico Egitto, e la continuità di questo impatto attraverso le arti contemporanee”.

In una conferenza stampa affollata a Giza giovedì, l’artista Lorenzo Quinn ha parlato emotivamente della sua commissione nel sito antico. “Non ho parole per esprimere i miei veri sentimenti in questo momento”, ha detto. “La ragione per cui ho scelto di creare quest’opera per questo sito è per onorare il fatto che la società funziona sempre meglio e può superare qualsiasi ostacolo quando lavora insieme. È un evento storico. È un vero onore”.

Ecco tutte le opere in mostra:
“R III” di Sultan bin Fahad

Una veduta di “R III” di Sultan bin Fahad prima delle Piramidi. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

Il “Corpo che sale” di João Trevisan

Il “Body That Rises” di João Trevisan illuminato di notte. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

“Eternity Now” di Gisela Colón

Una veduta della scultura metallica sferica di Gisela Colón presso le Grandi Piramidi. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

Stephen Cox “Lo spazio interno di Ra: Khafre”.

Uno spettatore vede l’opera di Stephen Cox Ra “Interior Space: Khafre”. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

L’opera di Shuster + Moseley “(Plan of the Path of Light) In the House of Hidden Places”.

La luce del sole si riflette su “(Plan of the Path of Light) In the House of Hidden Places” di Shuster + Moseley. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

Ouroboros” di Alexander Ponomarev

L'”Ouroboros” di Alexander Ponomarev in mostra. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

“Barzakh” di Moataz Nasr

Una fotografia di “Barzakh” di Moataz Nasr. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

“Together” di Lorenzo Quinn

Due mani in wireframe toccano la punta delle dita in “Together” di Lorenzo Quinn. Credito: Cortesia MO4 Network/Art D’Égypte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su