La scoperta di nuovi composti risolve il mistero dell’odore pungente della cannabis

Un nuovo studio offre una delle indagini più complete mai condotte sulle origini chimiche dell’odore  unico  della cannabis. Lo studio rivela che una famiglia completamente nuova di composti di zolfo è responsabile del nuovo odore e queste molecole sono chimicamente simili ai composti aromatici che si trovano nell’aglio.

Mentre molte delle ricerche attuali sulla cannabis si concentrano sulla comprensione degli effetti dei cannabinoidi come il tetraidrocannabinolo (THC) o il cannabidiolo (CBD), ci sono molte altre molecole in questa pianta profondamente complessa. Questa nuova ricerca si è concentrata specificamente sulla comprensione della fonte chimica dell’unico aroma pungente della cannabis.

Nella cannabis si trovano centinaia di diversi composti aromatici. Molti di questi appartengono a una classe di composti noti come terpeni, che sono responsabili di molti odori caratteristici delle piante, come il pino o la lavanda, e i selezionatori sperimentali di cannabis spesso giocano con diverse concentrazioni di terpeni per sviluppare varietà ibride con profumi unici. E’ stato precedentemente ipotizzato che i terpeni siano responsabili dell’iconico “odore” della cannabis, ma le difficoltà nell’analizzare tutti i potenziali composti aromatici di questa pianta hanno limitato uno studio approfondito.

“Per ovviare a questo problema”, spiegano i ricercatori nel loro studio appena pubblicato, “abbiamo impiegato un sistema di gascromatografia bidimensionale (2DGC) personalizzato con tre rivelatori che operano simultaneamente: Uno spettrometro di massa a tempo di volo (TOF-MS), un rivelatore a ionizzazione di fiamma (FID) e un rivelatore a chemiluminescenza dello zolfo (SCD)”.

La nuova ricerca si è concentrata in particolare sulle molecole note come composti volatili dello zolfo (VSC). Questi composti organici contenenti zolfo sono fortemente legati ad altri odori vegetali pungenti come il luppolo e l’aglio. Lo spray iconico delle puzzole è anche noto per contenere una serie di potenti VSC. Quindi, considerando che l’aroma pungente della cannabis è informalmente chiamato “skunk” (puzzola in inglese), sembrava ragionevole cercare di capire quali VSC nella pianta potessero essere collegati a questo odore altamente specifico.

“La combinazione di più rivelatori, in tandem con il 2DGC per analizzare la cannabis, ci ha dato gli strumenti necessari per analizzare i dati e identificare le tendenze tra alcuni composti e gli aromi delle varie cultivar di cannabis”, spiega l’autore principale del nuovo studio, Iain Oswald. “I nostri dati stabiliscono definitivamente un legame tra questa nuova famiglia di VSC nella cannabis e il suo aroma pungente”.

Il nuovo studio dettaglia diversi VSC che non sono mai stati identificati prima in natura. L’analisi di alcuni ceppi di cannabis particolarmente pungenti ha rivelato legami diretti tra concentrazioni più alte di VSC e odori “skunk-like”.

“Ho sospettato per anni che ci mancasse qualcosa nella nostra comprensione di questa pianta”, dice un altro co-autore dello studio, Josh Del Rosso. “Anche se i terpeni sono stati salutati come la fonte principale del profumo pungente della cannabis, ora sappiamo che è questa nuova classe di VSC”.

Uno sguardo alle somiglianze molecolari tra questi composti di cannabis appena scoperti e quelli che si trovano nell'aglio
Uno sguardo alle somiglianze molecolari tra questi composti di cannabis appena scoperti e quelli che si trovano nell’aglio

 

Una scoperta interessante dello studio è stata la somiglianza chimica tra questi VSC della cannabis scoperti di recente e alcuni VSC trovati nell’aglio. Ricerche precedenti hanno collegato alcuni benefici per la salute riscontrati nell’aglio a questi specifici VSC, quindi è interessante ipotizzare che ci possano essere potenziali benefici medici in questi VSC di cannabis appena scoperti.

Spero che i nostri risultati possano fungere da trampolino di lancio per aiutare altri ricercatori a determinare se questi composti conferiscono alla cannabis ancora più proprietà medicinali di quanto abbiamo mai immaginato“, nota Del Rosso.

La ricerca ha dimostrato che nonostante questi VSC siano molto volatili, se lavorati correttamente possono rimanere altamente presenti in alcuni estratti. E l’analisi di alcuni estratti di cannabis ha rivelato che i VSC possono ancora essere trovati in queste formulazioni in una varietà di concentrazioni.

Un altro aspetto dello studio ha misurato le concentrazioni di VSC durante il ciclo di crescita della pianta e dopo la raccolta. I livelli più alti di VSC sono stati rilevati alla fine del ciclo di crescita della pianta, con un picco alla fine di un processo di indurimento di 11 giorni dopo il raccolto.

È importante notare che i livelli di VSC hanno cominciato a diminuire rapidamente quando la pianta curata è stata conservata. Dieci giorni dopo la stagionatura, i livelli di questi VSC erano significativamente diminuiti. Kevin Koby, un altro ricercatore del progetto, dice che questi risultati offrono ai produttori delle intuizioni preziose se stanno cercando di massimizzare il contenuto di VSC nei futuri prodotti di cannabis.

Questi risultati dimostrano che i produttori di cannabis sono in corsa contro il tempo quando si tratta di portare prodotti di qualità nelle mani dei clienti“, dice Koby. “Speriamo che i nostri risultati stabiliscano un nuovo standard per i coltivatori e i distributori per aiutare a preservare e proteggere questi composti chiave – indipendentemente dai rigori della lavorazione, dell’imballaggio e del tempo sugli scaffali”.

Lo studio cumulativo offre una forte prova delle origini chimiche dietro l’unico odore pungente della cannabis. Indica anche nuovi avvincenti percorsi di ricerca sui possibili benefici medicinali di questi composti appena scoperti.

La nuova ricerca è stata pubblicata sulla rivista ACS Omega.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su