Il Regno Unito diventa il primo paese a regolamentare i prodotti CBD come cibo.

Il Regno Unito è diventato il primo paese al mondo a regolare la vendita pubblica di cannabinoidi legali somministrati per via orale, dopo la pubblicazione la scorsa settimana di una lista di prodotti permessi. La mossa servirà a “rimuovere i rischi” per il cannabidiolo (CBD) per gli investitori e a stimolare l’innovazione nel settore, secondo Steve Moore, fondatore del gruppo commerciale britannico Association for the Cannabinoid Industry (ACI).

Moore stava parlando durante una conferenza stampa tenuta per annunciare il lancio della lista CBD la scorsa settimana.

Compilata dal regolatore britannico, la Food Standards Agency (FSA), in collaborazione con l’ACI, la lista presenta circa 3.500 prodotti contenenti CBD che hanno avuto il via libera per rimanere sugli scaffali (sia fisici che virtuali) nei paesi costituenti del Regno Unito, Inghilterra e Galles.

Questi prodotti, che erano già disponibili per l’acquisto nel Regno Unito, sono autorizzati a rimanere in vendita al pubblico in Inghilterra e Galles in linea con i nuovi regolamenti sui nuovi alimenti del Regno Unito, che sono stati adottati dopo la sua uscita dall’UE nel 2020.
Tutti i prodotti che non appaiono nella lista CBD non possono più essere venduti, e i venditori che continuano a metterli in vendita potrebbero incorrere in sanzioni.
Tuttavia, questi prodotti possono ancora essere presentati per l’autorizzazione sotto il processo di approvazione dei nuovi alimenti della FSA – insieme ai nuovi prodotti – e come tali, potrebbero tornare sul mercato in futuro se hanno successo.
Un processo normativo separato è stato stabilito in Scozia, mentre l’Irlanda del Nord rimane sotto la giurisdizione del regime dei nuovi alimenti dell’UE, che deve ancora approvare qualsiasi integratore alimentare a base di CBD.Come funziona:

L’ACI descrive l’inclusione nella lista del CBD come “una tappa fondamentale nel percorso verso la piena autorizzazione, che è prevista per il 2023”.

I fornitori di prodotti a base di CBD in vendita in Inghilterra e Galles il 13 febbraio 2020 o prima, dovevano presentare una domanda di valutazione da parte della FSA con scadenza il 31 marzo 2021.
I fornitori i cui dossier di richiesta sono stati successivamente valutati per soddisfare preliminarmente gli standard dei nuovi alimenti della FSA hanno avuto i loro prodotti aggiunti alla lista del CBD, il che significa che possono rimanere in vendita in attesa della piena autorizzazione.
I prodotti CBD che sono entrati sul mercato dopo il 13 febbraio 2020, o che non hanno presentato una domanda prima della scadenza, devono essere rimossi dalla vendita fino a quando non ottengono l’autorizzazione della FSA.
Avere un prodotto aggiunto alla lista “significa che hai presentato tutte le informazioni richieste come da dossier, ed è stato accettato dai regolatori. Ma questo non significa che sia stato autorizzato”, ha spiegato Parveen Bhatarah, responsabile della regolamentazione e della conformità dell’ACI, che è intervenuto all’evento di lancio. “Tutte le informazioni che hai presentato devono essere valutate in base al rischio; solo allora l’autorizzazione avrà luogo e [poiché si tratta di indagini tossicologiche] ecco perché ci vorrà più di un anno”.

Secondo i numeri:

Circa 900 domande sono state presentate prima della scadenza
Di queste, 71 sono andate avanti, portando all’aggiunta di oltre 3.500 prodotti alla lista del CBD
680 domande sono state respinte
42 domande sono state auto-ritirate da aziende che non volevano più procedere

Perché è importante:

Parlando all’evento di lancio della lista CBD, Moore ha detto che l’implementazione del quadro normativo “de-rischio” del CBD per i produttori, i rivenditori, i consumatori e gli investitori.

“Ho parlato con molti investitori negli ultimi tre o quattro mesi, e penso che siano dell’opinione che avevano bisogno delle rassicurazioni che hanno ottenuto oggi dalla FSA per continuare a investire in questa categoria”, ha detto.

Mentre la regolamentazione ha portato alla proibizione immediata di centinaia di prodotti CBD, probabilmente alimenterà un’ulteriore innovazione nello spazio mentre i binari della guida alla conformità diventano più chiari.

“È una pietra miliare importante, e c’è un gruppo di aziende ora che possono lavorare ulteriormente sui loro portafogli di prodotti”, ha detto Moore. “Penso che l’anno di picco per l’innovazione sarà la fine del 2023, l’inizio del 2024 [come piena autorizzazione normativa] e poi vedremo anche l’ingresso delle grandi aziende FMCG”.

Bhatarah ha aggiunto: “L’impegno della FSA a regolamentare questo come un nuovo alimento prima di qualsiasi altro regolatore nazionale segna il ruolo leader del Regno Unito nei cannabinoidi a livello globale. Siamo ora all’inizio di quel viaggio, il che è una grande notizia per il Regno Unito”.

Il CBD:

Il CBD è uno dei cannabinoidi – un gruppo di composti presenti nella cannabis che hanno una serie di effetti sul corpo umano quando vengono consumati.

Si ritiene che abbia applicazioni per la salute e il benessere, e di conseguenza è stato sempre più incorporato nei prodotti alimentari e nelle bevande – e negli integratori alimentari – negli ultimi anni, dato che l’ambiente legale intorno alla cannabis si è rilassato in diverse giurisdizioni. La legalità e la regolamentazione del CBD – che di per sé non sembra essere psicotropo, ma spesso appare nei prodotti insieme ad altri cannabinoidi illegali – rimane una zona grigia in gran parte del mondo.

Ci sono alcune prove che suggeriscono che il CBD abbia effetti anti-ansia e anti-psicotici, così come proprietà analgesiche, possibili applicazioni nel trattamento dei disturbi del movimento, e la capacità di gestire l’appetito; ma niente di tutto questo è chiaramente compreso, ed è ancora soggetto a indagini scientifiche.

Il CBD può essere estratto naturalmente dalla pianta di cannabis, o prodotto sinteticamente attraverso metodi come la fermentazione microbica – un approccio sperimentato da aziende come Purissima negli Stati Uniti [rivelazione: la società madre di AFN, AgFunder, è un investitore di Purissima].

Il Regno Unito ha legalizzato il CBD e diversi cannabinoidi strettamente correlati – con alcune condizioni – nel 2018.

Secondo l’ACI, le vendite annuali di prodotti CBD per i consumatori del Regno Unito raggiungeranno i 690 milioni di sterline (898 milioni di dollari) nel 2021, rendendolo probabilmente il secondo più grande mercato mondiale del CBD dopo gli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su