Il perfetto rapporto tra CBD e THC? Ecco cosa suggerisce un nuovo studio

Quando i due sono combinati in rapporti variabili, aumentano sinergicamente le proprietà benefiche dell’altro. Ecco quello che i ricercatori ritengono essere il miglior rapporto per gli effetti terapeutici.

 

I ricercatori dell’Anschutz Medical Campus dell’Università del Colorado hanno analizzato l’impatto dei fiori di cannabis con rapporti quasi uguali di THC e CBD, e i suoi effetti sui soggetti.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Addiction Biology, ha esaminato soggetti che sono stati incaricati di fumare fiori di cannabis con vari rapporti, assegnati in modo casuale. Questi includevano il 24% di THC e l’1% di CBD, il 23% di CBD e l’1% di THC, così come fiori che avevano rapporti quasi uguali di ciascuno, 10% di THC e 9% di CBD. Dopo un’ora, i ricercatori hanno misurato i loro effetti.

Hanno scoperto che i pazienti che hanno fumato la cannabis a dominanza di THC e quelli che hanno fumato rapporti quasi uguali e quelli che hanno fumato i fiori con rapporti quasi uguali hanno sperimentato simili benefici positivi. La differenza è stata che i partecipanti che hanno consumato campioni con rapporti quasi uguali hanno riportato meno effetti collaterali negativi tra cui paranoia e ansia.

“Questo è uno dei primi studi che esamina gli effetti differenziali dei vari rapporti di THC e CBD usando chemovar di fiori di cannabis che sono ampiamente disponibili nei mercati regolamentati dallo stato. I presenti risultati suggeriscono che il CBD può essere associato a una riduzione complessiva dell’esposizione al THC e può mitigare gli effetti psicotomimetici negativi del THC senza diminuire gli effetti del THC che gli individui riferiscono di gradire”, scrivono.

“I risultati del presente studio suggeriscono che i partecipanti che usano il chemiovar THC+CBD avevano livelli plasmatici di THC significativamente più bassi e riportavano meno paranoia e ansia rispetto ai partecipanti che usavano il chemiovar a dominanza di THC. E’ importante notare che, nonostante queste differenze, i partecipanti in entrambe le condizioni THC+CBD e THC hanno riportato simili effetti soggettivi positivi… L’implicazione di questi risultati per la riduzione del danno è che i chemiovar di cannabis contenenti CBD possono comportare una minore esposizione complessiva al THC e di conseguenza un minore potenziale di danno, in particolare per quanto riguarda gli effetti psicotomimetici del THC”, hanno concluso.

Perché il rapporto è importante

Il CBD e il THC sono i due cannabinoidi principali della pianta di cannabis. Ognuno di essi ha le proprie proprietà; il THC è il composto psicoattivo che è responsabile della sensazione di sballo. Più THC contiene un fiore o un prodotto, più vi sentirete su di giri. Ma oltre a farti sballare, il THC è ampiamente usato per le sue proprietà medicinali come la sua capacità di indurre l’appetito, trattare l’insonnia, fermare la nausea e dare sollievo dal dolore. Tuttavia, la giusta dose è essenziale perché troppo THC può far sentire le persone paranoiche e ansiose. D’altra parte, il CBD non è psicoattivo e viene usato per il rilassamento, l’insonnia, l’ansia, il dolore e molto altro.

Quando i due sono combinati in proporzioni variabili, migliorano sinergicamente le proprietà benefiche dell’altro in quello che è conosciuto come “effetto entourage”. A parte questo, tutti noi abbiamo una diversa composizione biologica ed è per questo che la tua reazione al CBD può essere diversa da quella del tuo amico, anche se entrambi avete preso esattamente la stessa dose.

È stato riconosciuto dagli scienziati che la dose ideale per la maggior parte delle persone che vogliono ottenere i maggiori benefici terapeutici è un rapporto uguale di ciascuno, o 1:1 THC CBD. Questo rapporto può aiutarvi a rimanere produttivi senza sentirvi troppo sballati perché il CBD contrasta gli sballi del THC, offrendo anche una vasta gamma di benefici per la salute tra cui la gestione del dolore, la riduzione dell’ansia e un sonno migliore, tra gli altri.

Rapporti comuni

 

Quando si acquista un prodotto di cannabis, quelli che usano una combinazione di entrambi i cannabinoidi presentano vari rapporti. Ecco i rapporti più comuni:

0:1 CBD THC: senza CBD nel prodotto, sarete in grado di sentire gli alti livelli di THC che molti trovano edificanti ed euforici, mentre riducono lo stress. Se sei una di quelle persone che sono sensibili al THC o hanno una bassa tolleranza, potresti essere soggetto ad ansia e paranoia. Tuttavia, molte persone lo preferiscono perché dà sollievo dal dolore e dall’infiammazione e migliora l’energia e l’umore.
Delta-10 THC: è il futuro della cannabis?

1:0 CBD THC: un prodotto che non ha THC non vi farà sentire alcun tipo di sballo. Le persone che amano il rilassamento provocato dal CBD apprezzeranno questo tipo di prodotti perché possono sedare leggermente, migliorando comunque l’umore e aiutando a ridurre l’ansia e gli attacchi di panico.

1:1 CBD THC: per le persone che non hanno familiarità con CBD e THC, questo è il rapporto consigliato per iniziare. Sarete in grado di sperimentare il meglio di entrambi i mondi, ma anche la presenza del CBD negherà di essere troppo fatti dal THC. Inoltre, sarete in grado di rimanere funzionali e produttivi.

1:9 o più: Questi sono di solito prodotti ad alto THC, il che significa che probabilmente sperimenterete le caratteristiche che sono tipicamente associate al THC. Questi possono essere benefici per le persone che soffrono di forti dolori, nausea, emicranie, mancanza di appetito dovuta alla chemioterapia o alle radiazioni, e altro. Tenete solo a mente che significa anche che avrete uno sballo.

Oltre a questi, incontrerete anche altri rapporti sul mercato come 2:1, 3:1, o 4:1 così come 25:1 e altri. Se non sei sicuro da dove cominciare, ricorda che più CBD contiene, meno psicoattività del THC sperimenterai. Se non volete sballarvi, optate sempre per un prodotto che abbia un contenuto di CBD più alto o un rapporto uguale.

Parlate con un budtender nel dispensario più vicino per saperne di più sulle raccomandazioni basate sulle vostre esigenze personali. Questi rapporti sono disponibili in molti prodotti di cannabis, dagli oli alle tinture, agli edibili e molto altro ancora.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su