Il fumo di Berlino

Il governo Scholz ha accettato la proposta per la liberalizzazione della cannabis “per uso ricreativo” – grazie a questa legge, lo stato incasserà circa 5 miliardi all’anno, tra introiti fiscali e risparmi sulla sicurezza: negli stati uniti, dove è legale in 21 stati, in quelle aree le rapine sono diminuite del 26%, gli omicidi e le violenze dell’11% – e quelli che pensano che “si comincia con una canna, si finisce a farsi le pere”, si sbagliano…

 

I Verdi tedeschi spingono dal 2015, dalla proposta di un Cannabiskontrollgesetz (Legge di controllo della cannabis), per una liberalizzazione delle droghe leggere, che sul mercato nero finiscono spesso per essere mescolate a sabbia, vetro, piombo e altre sostanze poco salutari. E ora che stanno per tornare al governo dopo sedici anni di apnea all’opposizione, i Verdi hanno vinto la loro battaglia.

Nel contratto di coalizione del nuovo esecutivo “semaforo” (Spd, Verdi, Liberali) c’è scritto nero su bianco che il governo di Olaf Scholz liberalizzerà la cannabis “per uso ricreativo” (dal 2017 è già decriminalizzata per uso medico). La Germania si accinge così a diventare il paradiso della marijuana libera.

L’Università Heinrich Heine di Düsseldorf ha calcolato che garantirebbe 3,7 miliardi di euro di introiti fiscali in più, 1,3 miliardi di euro di risparmi sulla sicurezza e 27mila nuovi posti di lavoro in più. Quasi cinque miliardi di euro che il governo tedesco si ritroverà in tasca ogni anno. E poi c’è il discorso della criminalità.

Negli Stati Uniti, dove è legale in 21 Stati, uno studio ha scoperto che in quelle aree le rapine sono diminuite del 26%, gli omicidi e le violenze dell’11%.

 E un’altra notizia positiva che arriva dal Rapporto sulle dipendenze 2019 (Epidemiologicher Suchtsurvey) dimostra che non c’è alcuna prova che il consumo di cannabis porti ad assaggiare l’eroina o altre droghe pesanti. L’equazione «si comincia con una canna, si finisce a farsi le pere», sventolata spesso da alcuni politici (anche italiani), non avrebbe alcun fondamento scientifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su