L’erba ti rende più creativo?

“C’è mai stato il timore che, rinunciando alle droghe, si perda un po’ del genio?” un giovane Jon Stewart chiese al suo eroe creativo George Carlin in un’intervista del 1997.
Carlin, che ricorda il suo sé stesso degli anni ’60 come un comico ribelle desideroso di sperimentare la cannabis e la mescalina, rispose: “Per quanto riguarda le droghe e l’alcol, sembrano aprirti una finestra. Sembra che allarghino le vedute, all’inizio”.
Come molti creativi prima e dopo di lui, tra cui Charles Baudelaire, Amedeo Modigliani, Louis Armstrong e persino Steve Jobs, Carlin usava l’erba a scopo ricreativo. Scherzava sul fatto che aveva sempre uno spinello nelle vicinanze e considerava la marijuana una “droga che cambia i valori” che poteva aprire “porte di percezione”. Ma ha anche messo in guardia i suoi fan e i suoi colleghi artisti dal fare troppo affidamento su di essa: “Trovo che, con un uso giudizioso, c’è un certo valore in essa. Ma la maggior parte delle cose che usiamo non ti permette di lasciarle da sole”.
Molto è cambiato per quanto riguarda la legalità, la cultura e il business della cannabis dalla fine degli anni ’90. Nel 1996, un anno prima della chiacchierata tra Carlin e Stewart, la California divenne il primo stato americano a legalizzare l’uso medico della pianta. Ora negli USA, l’uso ricreativo della cannabis è legale in otto stati, più Washington, D.C., e l’uso medico è permesso in altri 22.
Di pari passo, un’industria ha cominciato a fiorire intorno all’erba legalizzata. Con essa, sono emersi nuovi lavori con titoli deliziosamente strani, da budtender – la persona dietro il bancone di un dispensario di erba – a ganjapreneur – qualcuno che cerca nuovi modi per monetizzare la droga ed espandere il panorama commerciale dell’erba.
È anche diventata un rimedio per innumerevoli disturbi: dalla gestione del dolore al blocco creativo. Il che, se si considera l’effetto dell’erba sulla creatività, fa sorgere la domanda: Qual e’ esattamente la relazione tra cannabis e creativita’? E la cannabis migliora il pensiero creativo?

“La risposta non è bianca o nera”, spiega la dottoressa Alice Weaver Flaherty, neurologa del Massachusetts General Hospital e docente alla Harvard Medical School, specializzata nella stimolazione cerebrale profonda e nel rapporto del cervello con la creatività. Ma, dopo un’ampia ricerca, ha concluso che parte della risposta potrebbe trovarsi nel lobo frontale del cervello.
I suoi risultati notano che le persone con alta creatività (sì, questo articolo sarà pieno di giochi di parole involontari) hanno più attività nel lobo frontale rispetto a quelli con minori capacità creative. L’uso di marijuana può anche stimolare quell’area del cervello, portando Flaherty, e un certo numero di altri neuroscienziati, a tracciare una connessione tra cannabis e output creativo.
“La marijuana è uno stimolante. E la maggior parte degli stimolanti, nel breve termine comunque, aumenta la produzione di tutti i tipi”, spiega Flaherty. Ma nota anche che ci sono sfumature e avvertenze.
Più recentemente, la ricerca di Flaherty si è concentrata su come gli artisti (pittori, scrittori, musicisti, compositori o ingegneri) “entrano nella zona”, dice. E quando si tratta dell’effetto della marijuana sull’attivazione della produttività creativa, aggiunge che questo può dipendere dal dosaggio e dalla capacità di contenimento di una persona. “Come quasi tutto, ce ne può essere troppo o troppo poco”, dice. “Così qualcuno che sta cercando di aumentare la sua motivazione per essere creativo molto spesso va troppo lontano e si fa completamente in modo da non potersi concentrare”.
Aggiunge che gli effetti dell’erba su un cervello creativo dipendono anche dalla personalità di un dato artista. “Una persona creativa molto ansiosa può trarre qualche beneficio dalla cannabis. Calmandoli, potrebbe aiutare la loro creatività”, spiega Flaherty. “Ma per qualcuno che è già nella zona, e che non è troppo ansioso di lavorare, potrebbe spingerlo ad essere troppo rilassato”.

La Flaherty e altri neuroscienziati nel suo campo non sono gli unici che cercano di dare un senso al legame tra marijuana e creatività. Anche gli artisti stessi sono curiosi, specialmente dato il crescente numero di varietà di cannabis, prodotti legati all’erba e armamentario assortito che viene pesantemente commercializzato in tutto il paese. (Per esempio, un’applicazione lanciata di recente, chiamata Cannacopia, ti permette di cercare diverse varietà in base all’effetto desiderato; una ricerca di creatività porta a Platinum Jack, Sour Lemon Diesel, White Yurkle, Chemdawg e Columbian Gold, tra le altre).
Il musicista e cantautore Aaron Lammer (che ha scritto brani con Chance the Rapper e Bon Iver, ed è anche il co-fondatore del popolare sito Longform) ha dedicato un podcast, chiamato Stoner, all’argomento. Nello show, Lammer invita ospiti – da artisti e musicisti a imprenditori ed esperti di cannabis – a parlare di erba. Le conversazioni spesso iniziano con la domanda “Quando è stata la prima volta che hai fumato erba?
L’idea di Stoner è nata quando Lammer (che fuma erba a scopo ricreativo) si è reso conto che c’era una scarsità di informazioni disponibili sulle esperienze con l’erba, nonostante il crescente numero di creativi che ha visto usarla. “Ero curioso di sapere come le diverse persone la usavano”, mi dice. “Ma sorprendentemente, non c’era una tonnellata di informazioni condivise online, così ho voluto iniziare a costruire una base di conoscenza”.
In molti dei 26 episodi di Stoner, il dialogo verte su come l’erba influenza le pratiche artistiche degli ospiti, che si tratti dei romanzi di Tao Lin, dei film di Benjamin Dickinson o Sebastián Silva, o della poesia di Mira Gonzalez. Le risposte individuali alla droga variano e riflettono l’uso fluttuante e l’efficacia dell’erba nel corso della vita adulta di ogni artista.
Dickinson, per esempio, ha avuto un periodo di estrema produttività quando ha iniziato a fumare erba al college. “Improvvisamente stavo facendo delle connessioni che non avevo mai fatto. Mi sentivo creativamente libero. Sentivo una nuova connessione con l’assurdo e il bizzarro e un conforto nell’essere in quei luoghi, quindi era davvero uno strumento meraviglioso”, racconta a Lammer. Ma dopo l’11 settembre, quando Dickinson stava lottando con la tragedia e usava l’erba per curarsi, “mi si è rivoltato contro”, spiega. “È stata come un’inversione. Mentre prima mi sentivo espansiva, sociale, di cuore aperto, aperta a nuove idee, ho iniziato a diventare paranoica e isolata e antisociale”.
Lin, d’altra parte, ha preso la droga più tardi nella vita, e in questi giorni include una dose di erba nella sua meticolosa routine quotidiana. Dice che rafforza il suo processo creativo.
“Quando si tratta di creatività in sé e per sé, e di creatività in relazione all’uso di marijuana, non ci sono due persone uguali”, offre Lammer, riflettendo su ciò che ha scoperto attraverso le sue interviste. “La maggior parte delle persone che sono in grado di avere un’esperienza creativa, energica, concentrata e produttiva hanno sperimentato molto su se stessi e hanno imparato ad essere pazienti quando si tratta di capire cosa funziona per loro e cosa no, sia che si tratti di marijuana o di qualcos’altro”.

Fred Tomaselli – Cloud, 2019

L’artista Fred Tomaselli, i cui dipinti strizzano l’occhio agli effetti psicoattivi delle droghe (e a volte includono foglie di marijuana come materiale), ha fatto la sua buona dose di sperimentazione. Mentre non fuma erba regolarmente, e spiega che “lavorare in studio sotto l’influenza della cannabis è per lo più un disastro totale”, ammette anche che “occasionalmente ha i suoi usi”.
“A volte, ho bisogno di smettere di essere così cosciente di me stesso e semplicemente scherzare. Ho scoperto che la cannabis è buona per sciogliermi mentre gioco con l’album degli schizzi”, spiega. “Forse l’afasia che induce mi fa dimenticare di essere così teso. Può essere utile per creare uno stato associativo libero che occasionalmente porta al germe di un’idea che vale la pena perseguire in seguito”.
Oltre agli effetti calmanti della marijuana, Tomaselli spiega che di tanto in tanto la usa come mezzo per interrompere lunghi periodi di pittura. “Quando sto facendo lunghe ore di lavoro meccanico, una boccata molto occasionale, a metà del processo, può alleviare la fatica”, dice.
“Nel mio caso, può essere abbastanza divertente e un po’ strano sistemare e incollare foglie d’erba sulla superficie dei miei quadri mentre fumo la stessa sostanza”, continua Tomaselli. “È l’erba che mi dice cosa fare da dentro il mio cervello? È solo il pensiero di un drogato totale?”.
Come Tomaselli, altri artisti che incorporano la marijuana nel loro processo creativo lo fanno strategicamente, dopo una buona dose di tentativi ed errori. Il poeta e giornalista Mario Alejandro Ariza nota che

compone drogato, edita da sobrio”.

Gina Beavers

L’artista Gina Beavers, che fa dipinti surreali e fortemente impastati che zoomano sul cibo e sui rituali di toelettatura delle donne, ha imparato che fumare erba poco prima di andare a letto (al contrario di altri momenti della giornata) può avere un effetto positivo sulla sua pratica. “Se fumo erba e poi vado a letto, ho lievi effetti allucinatori mentre mi addormento e mi vengono idee creative”, spiega.
Queste idee occasionalmente prendono forma come dipinti per Beavers: “I miei lavori astratti erano una combinazione di cose che avevo visto e cose che avevo immaginato, e sicuramente ho fatto lavori ispirati all’erba che rientrano in quest’ultima categoria”. Ma sottolinea anche le occasionali conseguenze non volute e potenzialmente controproducenti, “come sentirsi insicuri per quella cosa stupida che hai appena detto, o da dove verranno i nachos!
Come Ariza, sottolinea l’importanza di modificare le idee ispirate alla cannabis. “Alcune volte, mi è capitato di rimuginare su come risolvere qualche problema e l’erba mi darà delle idee, ma non sempre quelle che mi piacciono”, dice Beavers. “Devo aspettare e guardare le soluzioni alla luce del giorno”.

Chris Bogia, Under the Bonsai Tree (2019).

L’artista Chris Bogia è diventato anche un abile auto-editore, quando si tratta di idee che emergono mentre è fatto. Alcune, le gestisce lui. “L’erba mi ha aiutato a espandere e riorganizzare concetti e idee che avevo già formato lentamente nel tempo senza cannabis”, dice. Questo è vero per una serie di disegni, “Plants Vs Zombies“, in particolare, dove l’erba ha stimolato “nuovi approcci e variazioni che a volte diventano nuovi disegni”.
Ma lo stesso non è vero quando Bogia sta pensando a un nuovo lavoro. “Spesso quando penso a concetti completamente nuovi mentre sono sotto l’influenza della cannabis, mi sveglio la mattina dopo e sono come, um, no”, spiega.
Nel corso della mia conversazione via e-mail con Bogia, questo fenomeno si è verificato in tempo reale. Una sera tardi, ho ricevuto una sua nota: “Mi sono super sballato mentre tornavo a casa stasera e durante l’ultimo tratto del mio viaggio ho avuto un pensiero divertente sul mio lavoro su un piatto decorativo e – boom – ho capito questo enorme lavoro imminente che non riuscivo a capire da un anno”.
Mi ha mandato un aggiornamento il giorno dopo. “Questa mattina sono meno sicuro che l’idea sia l’incredibile soluzione che speravo, ma mi piace ancora abbastanza da fare un rendering più dettagliato del rapido schizzo di ieri sera”, ha scritto. “Direi che è stato utile, ma non una soluzione miracolosa da proiettile d’argento per la creatività”.
È un’esperienza che illustra l’effetto della cannabis sulla creatività, su cui neuroscienziati e artisti sono d’accordo: Mentre fumare erba può sostenere il pensiero creativo, gli artisti probabilmente non dovrebbero fare affidamento su di essa per sciogliere i blocchi creativi o ispirare una nuova idea brillante.
“Non è che penso che le persone creative non dovrebbero mai usare la marijuana, ma non credo che dovrebbero scommettere sul fatto che li aiuti”, offre Flaherty.
E la conclusione di Tomaselli sull’argomento? “L’erba non sostituisce la creatività innata, il talento o la disciplina, e chiunque lo pensi deve essere fatto!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su