Come l’assunzione di CBD influisce sui tuoi allenamenti

Stai cercando qualcosa per migliorare i tuoi allenamenti, e i tuoi occhi cadono sull’olio di CBD. Il CBD, ovvero il cannabidiolo, il componente non psicoattivo della cannabis, è un ingrediente onnipresente che ha la reputazione di offrire una serie di benefici per il benessere. Ma cosa c’entra il CBD con l’esercizio fisico?

 

La dottoressa Sophie Vergnaud, esperta di medicina presso la società di prescrizione GoodRx, dice che i legami del CBD con il dolore e l’infiammazione lo hanno reso popolare tra gli appassionati di fitness.

“Non ci sono ancora molte prove scientifiche dirette per l’uso del CBD come integratore per l’allenamento”, dice, anche se nota che gli esperti medici lo considerano sicuro da assumere. “Questo non vuol dire che non ci siano benefici, solo che la ricerca esistente è troppo imprecisa per poter fare raccomandazioni definitive”.

Ecco una guida a ciò che la scienza sa e non sa su come l’assunzione di CBD può influenzare il vostro gioco di fitness – e perché probabilmente non farà male, ma potrebbe non rendere più divertente la vostra corsa di 10 km.

Il CBD e l’allenamento

1. Può aiutare con il recupero muscolare

Puoi scegliere tra innumerevoli lozioni e creme a base di CBD che affermano di alleviare l’indolenzimento muscolare, e questo grazie alle prodezze antinfiammatorie dell’ingrediente. “Il CBD può aiutare i muscoli a rilassarsi“, dice Vergnaud. Questo è utile perché i muscoli sono tesi dopo un esercizio vigoroso.

Secondo uno studio pubblicato su Frontiers in Physiology nel 2021, il CBD ha dimostrato di aumentare il recupero dall’esercizio grazie alle sue proprietà neuroprotettive, analgesiche, ansiolitiche, antidolorifiche e antinfiammatorie. Quando ti alleni, i tuoi muscoli si impegnano in una risposta infiammatoria per riparare il danno che si è appena verificato (è così che si diventa più forti). Quindi l’applicazione topica del CBD dovrebbe calmare le cose in modo che sia più facile per il tuo corpo recuperare.

Il parere di Vergnaud? C’è una buona base di realtà per queste affermazioni, ma non ci sono abbastanza studi per dare giudizi definitivi su come possa davvero aiutare.

2. Può ridurre lo stress e l’ansia

Uno studio pubblicato su Sports Medicine nel 2020 ha scoperto che quando si tratta di CBD e sport, molto resta da capire. Vergnaud dice che il CBD può abbassare lo stress e l’ansia, e far godere un po’ di più i loro allenamenti, e alcuni studi hanno indicato che questo è vero.

“Il CBD può aiutare a mettersi nello stato mentale giusto per un allenamento migliorando la motivazione, e può aiutare a concentrarsi sul proprio corpo e ad essere più attenti durante l’allenamento o la pratica”, dice.

3. Può migliorare il sonno

Poiché il CBD lavora per alleviare lo stress e l’ansia, può offrire l’ulteriore vantaggio di migliorare la qualità del sonno. E un buon sonno è fondamentale non solo per le tue prestazioni atletiche, ma per la tua salute generale. Uno studio sui giocatori di rugby professionisti e il CBD, pubblicato sull’International Journal of Sport Nutrition and Exercise Metabolism nel 2020, ha scoperto che il 40% dei giocatori che usavano il CBD sentivano che li aiutava a dormire meglio. Altre ricerche hanno collegato il CBD come potenziale terapeutico per l’apnea del sonno, l’insonnia e altri problemi di sonno.

 

Il verdetto

 

C’è ancora molta ricerca necessaria per comprendere appieno la relazione del CBD con l’esercizio fisico. Parte del problema del CBD, secondo Vergnaud, è che è difficile da studiare perché gran parte della scienza è basata su “ricordi soggettivi”. Se qualcuno pensa che il suo prodotto CBD lo abbia reso più rilassato o abbia diminuito il dolore, potrebbe essere un effetto placebo, non il CBD stesso.

C’è anche la questione dei prodotti drogati. Anche se non sei un atleta olimpico, avverte uno studio pubblicato su Sports in 2019, i prodotti CBD non regolamentati potrebbero avere ingredienti aggiunti, come il THC. Questo è un problema se stai facendo qualcosa che richiede molta concentrazione e potenziali lesioni, come il sollevamento pesi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Carrello
Torna su