You are currently viewing CBD, primo studio mondiale sulla cannabis: non riduce la capacità di guida

CBD, primo studio mondiale sulla cannabis: non riduce la capacità di guida

Il primo test al mondo di questo tipo, mostra in modo comparato che il cannabidiolo (CBD) non compromette la capacità di guida.

 

Un nuovo studio sugli effetti della cannabis in contesti reali ha mostrato che il cannabidiolo (CBD) da solo non compromette la capacità di guida.

È una scoperta storica, che promette di essere preziosa nel guidare le normative sulla sicurezza stradale mentre le leggi su CBD e cannabis cambiano in tutto il mondo. Si apre la strada ad un uso più consapevole e non demonizzato del cannabidiolo.

Un approccio a fasi alterne

“Con l’atteggiamento in rapida evoluzione nei confronti dell’uso medico e non medico della cannabis, la guida sotto l’influenza della cannabis sta emergendo come un problema di salute pubblica importante e alquanto controverso”, spiega Iain McGregor, dell’Università di Sydney e autore del nuovo studio.

“Mentre alcuni studi precedenti hanno esaminato gli effetti della cannabis sulla guida, la maggior parte si è concentrata sulla cannabis fumata contenente solo THC (non CBD). E non ha quantificato con precisione la durata dei problemi sui riflessi.”

Il CBD si avvia verso la “lista dei buoni”

Ci sono più di 100 cannabinoidi diversi nella cannabis. Il cannabidiolo (CBD) e il tetraidrocannabinolo (THC) sono le due sostanze chimiche più importanti e il THC è principalmente associato agli effetti euforici psicoattivi della pianta. Nel frattempo, si scopre sempre più che il CBD conferisce una serie di risultati positivi sulla salute.

Recentemente il cannabidiolo è diventato il primo composto derivato dalla cannabis mai approvato dalla FDA americana per ridurre le convulsioni nelle forme gravi di epilessia.

Lo studio

Una collaborazione tra ricercatori australiani e olandesi è la prima a concentrarsi specificamente sull’effetto del CBD da solo, oltre che in combinazione con il THC, sulla capacità di guida in condizioni reali.

Il nuovo esperimento ha reclutato 26 soggetti le cui prestazioni di guida sono state testate in quattro occasioni dopo aver vaporizzato solo THC, solo CBD, una combinazione THC / CBD o un placebo.

Il test ha comportato la guida su una vera autostrada in condizioni controllate per un’ora in due occasioni, 40 minuti dopo aver vaporizzato il farmaco e di nuovo quattro ore dopo. Il deterioramento è stato valutato utilizzando una misura chiamata deviazione standard della posizione del veicolo (SDLP), che tiene traccia di quanto una persona si sposta o si muove all’interno di una determinata corsia. Prima del cannabidiolo è stata utilizzata in passato per stabilire livelli di compromissione per droghe come alcol e Valium.

Rispetto al placebo, i ricercatori non hanno riscontrato differenze di compromissione della guida 40 minuti dopo aver vaporizzato solo il CBD. Ciò è paragonabile a una lieve compromissione rilevata nei test THC e THC più CBD dopo 40 minuti.

Questi risultati indicano per la prima volta che il cannabidiolo, se somministrato senza THC, non influisce sulla capacità di guidare di un soggetto.

Thomas Arkell, autore principale del nuovo studio.

 

Questa è un’ottima notizia per coloro che utilizzano o considerano il trattamento utilizzando prodotti a base di cannabidiolo (CBD).

CBD, conseguenze importanti

Un riflesso di rilievo dello studio è stato che quattro ore dopo la somministrazione non è stata rilevata alcuna compromissione della capacità di guida in nessuno dei quattro gruppi testati.

Ricerche precedenti avevano scoperto che la cannabis può generare lievi disturbi alla guida fino a tre ore dopo il consumo. Problemi temporanei che generalmente diminuiscono circa quattro ore dopo il consumo. Questi risultati confermano (a questo punto direi senza più dubbi) quegli studi precedenti.

Si tratta di una scoperta relativamente cruciale poiché i test su strada per l’intossicazione da cannabis sono ancora un argomento controverso. Abbiamo molti dispositivi in grado di misurare (e non solo) il livello di alcol assunto da chi è alla guida, ma gli scienziati devono ancora produrre un dispositivo commerciale affidabile per misurare oggettivamente l’intossicazione da cannabis.

I metaboliti del THC possono essere rilevati per giorni, o addirittura settimane, dopo il consumo.

“La sicurezza stradale è una preoccupazione primaria”, afferma Arkell. “Questi risultati sul cannabidiolo (CBD) e tetraidrocannabinolo (THC) dovrebbero consentire leggi e regolamenti basati sull’evidenza per le persone che ricevono cannabis medica”.

Il nuovo studio sul cannabidiolo è stato pubblicato sulla rivista scientifica JAMA.

Fonte: Università di Sydney

 

Articolo originale: futuroprossimo.it

Facebook Comments

Lascia un commento

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.