CBD Academia – I tricomi

CBD Academia – I tricomi

La marijuana è una pianta complessa e ogni suo elemento ha un compito preciso. Ci sono alcune parti della pianta di cannabis che sono visibili a occhio nudo, mentre altre sono componenti microscopiche, visibili solo al microscopio. I pistilli, ad esempio, sono l’organo riproduttivo femminile della pianta di cannabis e sono visibili a occhio nudo; si manifestano come “peletti” che sporgono dal calice del fiore della pianta femmina.

Il Piccolo principe ce l’ha insegnato: l’essenziale è invisibile agli occhi.

Poi ci sono i tricomi, talmente piccoli da poter essere visti soltanto al microscopio, e sono disseminati su tutta la pianta di cannabis. i tricomi sono quelli che producono la resina tipica dei fiori di canapa.

Accanto all’azione protettiva, i tricomi sono responsabili della generazione, oltre che dei terpeni (prossima “lezione”!), anche dei cannabinoidi, come CBD e THC. Gli uni e le altre sono le sostanze che determinano l’effetto delle infiorescenze. Una particolarità è che questi elementi chimici hanno delle proprietà autonome che si possono modificare con l’interazione con le altre, dando quindi vita a un vasto spettro di effetti, variabile da pianta a pianta.

Soprattutto adesso che le proprietà terapeutiche della pianta di canapa sono emerse dopo molti studi, è sempre più necessario sottolineare il ruolo che i tricomi hanno innanzitutto nella produzione delle sostanze richiamate prima, nonché alle altre funzioni necessarie alla crescita della pianta, come quella protettiva.

Facebook Comments

Lascia un commento

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.