Cannabis per un sesso migliore? Ecco cosa dice la scienza.

 La ricerca è scarsa, ma l’esperienza aneddotica suggerisce che la giusta dose e il metodo di somministrazione possono fare una differenza positiva per alcune persone.

 

Qualche settimana fa, la rubrica Ask Well ha evidenziato i trattamenti per la bassa libido nelle donne. In seguito, diverse lettrici volevano sapere se la cannabis poteva essere aggiunta alla lista dei potenziali rimedi.

È una domanda che è particolarmente rilevante ora che la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato una legge che depenalizza la marijuana a livello federale.

La marijuana, la droga più comunemente usata che è illegale a livello federale, è attualmente consentita per uso medico in 37 stati, e in 18 stati per uso ricreativo per adulti. Secondo un sondaggio del 2020, quasi il 18% degli americani dai 12 anni in su ne ha fatto uso nell’ultimo anno, e più di due terzi degli americani sono a favore della sua legalizzazione, secondo vari sondaggi.

Per saperne di più su cannabis e sesso ci siamo rivolti a diversi esperti, tra cui un ginecologo che ha intervistato le donne sul loro uso di marijuana.

La linea di fondo: E’ difficile dire con certezza che la cannabis aumenterà il desiderio o migliorerà la vostra vita sessuale, ma prove aneddotiche suggeriscono che la giusta dose di cannabis può rendere gli orgasmi di una donna più soddisfacenti e aumentare il desiderio sessuale. Questo in parte perché la cannabis può migliorare i sensi e anche alleviare alcuni dei sintomi che inibiscono il desiderio, come ansia, insonnia o dolore. Può avere effetti positivi anche per gli uomini, ma anche diversi effetti negativi, e anche le donne dovrebbero essere consapevoli dei suoi potenziali lati negativi.

Cosa dice la ricerca?

Sia gli uomini che le donne hanno da tempo riferito che la cannabis altera la loro esperienza sessuale. In un saggio pubblicato nel 1971, l’astronomo Carl Sagan, da tempo consumatore di marijuana, scrisse che la cannabis “aumenta il piacere del sesso” e “dà una sensibilità squisita”.

Ci sono pochissime ricerche sulla cannabis e la libido, tuttavia, in parte perché la ricerca sulla cannabis è stata notoriamente difficile da finanziare e rimane una droga illegale negli Stati Uniti. La maggior parte delle ricerche che esistono si basano su dati provenienti da questionari, che sono fortemente sbilanciati verso persone che già usano cannabis e non sono rappresentativi della popolazione generale, rendendo difficile trarre conclusioni definitive. Inoltre, i sondaggi non forniscono informazioni affidabili e precise sul dosaggio, il metodo di somministrazione o i tempi.

Ma sulla base delle limitate prove, la droga sembra migliorare l’esperienza sessuale tra molte donne che già la usano.

“Ho avuto diversi pazienti che sono venuti da me e mi hanno detto: ‘Ho la libido bassa. Può aiutarmi? E, oh, a proposito, se uso la marijuana, posso raggiungere l’orgasmo, senza problemi”, ha detto la dottoressa Becky K. Lynn, esperta di medicina sessuale e menopausa e fondatrice di Evora Women’s Health a St. “Mi dicono anche che la bassa libido migliora con la marijuana”.

La dottoressa Lynn, che insegna anche alla Saint Louis University School of Medicine, è l’autrice principale di uno studio pubblicato nel 2019 che ha intervistato 373 donne sulla cannabis in una clinica di ostetricia e ginecologia del Missouri. Di queste, il 34% ha riferito di aver usato marijuana prima dell’attività sessuale e la maggior parte di loro ha detto che ha avuto come risultato un aumento del desiderio sessuale, un migliore orgasmo e una diminuzione del dolore.

Gli studi hanno anche scoperto che alcune donne usano la cannabis per aiutare a gestire i sintomi della menopausa come le vampate di calore, la sudorazione notturna, l’insonnia e i cambiamenti vaginali, come la secchezza, tutti sintomi che possono contribuire ad abbassare la libido se non trattati.

Inoltre, un sondaggio online su più di 200 donne e uomini che usano la cannabis ha trovato che quasi il 60% ha detto che la cannabis ha aumentato il loro desiderio di sesso; quasi il 74% ha riferito un aumento della soddisfazione sessuale. Ma lo studio, che è stato condotto da ricercatori in Canada e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine, ha anche detto che il 16 per cento ha riferito che il sesso era migliore in alcuni modi e peggiore in altri, e poco meno del 5 per cento ha detto che era peggio.

La ricerca sull’uso di cannabis e la funzione sessuale tra gli uomini è altrettanto scarsa e può essere contraddittoria. Secondo la International Society for Sexual Medicine, alcuni uomini riferiscono che le loro prestazioni sessuali migliorano quando usano la marijuana, mentre altri possono sperimentare problemi come una minore motivazione per il sesso, disfunzione erettile, difficoltà a raggiungere l’orgasmo o eiaculazione precoce. L’uso di cannabis è stato anche associato a riduzioni del numero di spermatozoi, della concentrazione, della motilità e della vitalità.

Iniziare piano e procedere lentamente

Tutti i farmaci hanno rischi e potenziali effetti collaterali, cannabis inclusa.

Se il vostro medico vi ha autorizzato a provare la cannabis in uno stato in cui è legale, il Dr. Peter Grinspoon, medico di base al Massachusetts General Hospital Chelsea HealthCare Center e consulente in materia di cannabis medica, vi consiglia di prenderne “un po'” in una tintura se siete alle prime armi – in alcuni casi anche solo 1 milligrammo di THC, il principale ingrediente psicoattivo dell’erba – prima di salire lentamente.

Iniziare con poco e andare piano

Tutti i farmaci hanno rischi e potenziali effetti collaterali, cannabis inclusa.

Se il vostro medico vi ha autorizzato a provare la cannabis in uno stato in cui è legale, il Dr. Peter Grinspoon, medico di base al Massachusetts General Hospital Chelsea HealthCare Center e consulente in materia di cannabis medica, ha consigliato di prenderne “un po'” in una tintura se siete alle prime armi – in alcuni casi anche solo 1 milligrammo di THC, il principale ingrediente psicoattivo dell’erba – prima di cominciare lentamente a salire.

“A basse dosi, la cannabis aiuta la libido, ma ad alte dosi, spesso non è così efficace”, ha detto, aggiungendo che la quantità sbagliata porterà alcune persone a diventare paranoiche e ansiose. La droga potrebbe anche inibire l’orgasmo, creando l’effetto opposto a quello voluto.

Il dottor Lynn è d’accordo. “Iniziate con poco e andate piano”, ha detto.

Quanto è troppa la marijuana? Questo varia da persona a persona.

E poiché la cannabis è nota per compromettere il giudizio, la coordinazione e i tempi di reazione, coloro che usano droghe psicoattive prima o durante il sesso “devono prendere in considerazione se le persone che usano il prodotto e i loro partner possono fare sesso sicuro e consensuale”, ha detto la dottoressa Stacy Tessler Lindau, una ginecologa dell’Università di Chicago e la creatrice di WomanLab, un sito web sulla salute sessuale.

Dato che la cannabis può compromettere il giudizio sulla contraccezione o la capacità di consenso, ha aggiunto, le donne possono cercare di evitare prodotti con componenti psicoattivi o, se vogliono usarli, aumentare la sicurezza facendo sesso con un partner fidato.

“Il sesso con un estraneo idealmente non comporterebbe alcuna intossicazione di chiunque sia coinvolto”, ha detto.

Il dottor Jordan Tishler, un ex medico di medicina d’urgenza e presidente dell’Associazione degli specialisti in cannabinoidi, ha raccomandato di provare la cannabis da soli per le prime volte e di masturbarsi, per “capire cosa fa al corpo e alle sensazioni”.
Qual è il miglior metodo di consegna della cannabis?

Fumare marijuana o usare penne per svapare olio dovrebbe essere evitato, perché possono danneggiare i polmoni, hanno detto gli esperti.

La dottoressa Lynn raccomanda tipicamente le tinture, che sono estratti concentrati di cannabis che si prendono per bocca. È facile misurare il numero di milligrammi che si vuole usare, ha detto.

Il Dr. Tishler di solito consiglia ai suoi clienti di iniziare con 5 mg di THC. Prendere una boccata su un vaporizzatore di fiori di cannabis prima di avere un’esperienza sessuale può funzionare più velocemente e in modo più prevedibile rispetto agli edibili o ai lubrificanti infusi di THC, ha detto.

“Insegno ai pazienti a fare una boccata in un modo particolare”, ha aggiunto il Dr. Tishler: “un’inalazione molto profonda e lenta che ci permette di stimare la dose che stanno prendendo”.
Ricordate che la libido è complicata

Ci sono molteplici fattori che possono influenzare il desiderio e la funzione sessuale di qualcuno, alcuni dei quali potrebbero essere affrontati vedendo un medico o un fornitore di salute mentale.

Se una donna avesse dolore con i rapporti sessuali, per esempio, avrebbe bisogno di essere indirizzata a un ginecologo per una valutazione completa, ha detto il dottor Grinspoon. La cannabis potrebbe potenzialmente aiutare, ma ci sarebbe più da indagare e considerare in chiunque stia sperimentando sintomi fisici scomodi.

“Si può trattare il sintomo mentre si guarda alla causa sottostante”, ha detto. “Non si escludono a vicenda”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Carrello
Torna su